Contenuto sponsorizzato

Aggressione in strada, motociclista e automobilista finiscono in tribunale

Il centauro, 45enne bresciano, avrebbe preso a schiaffi e spintoni un automobilista sulla statale delle Dolomiti. L'aggressore è accusato di lesioni, violenza privata e minacce

Pubblicato il - 04 gennaio 2018 - 09:04

TRENTO. Prima l'aggressione verbale e poi quella fisica che ha portato la vittima a chiedere le cure mediche con una prognosi di due settimane E' finita in tribunale a Trento la lite tra un motociclista bresciano e un automobilista trentino che, per una incomprensione sulla circolazione stradale, sono finiti alle mani.

 

I fatti risalgono a settembre 2016 e sono accaduti sulla statale delle Dolomiti dove il crearsi di una colonna d'auto aveva innervosito alcune persone. Stando a quando ha raccontato l'accusa, il motociclista, un bresciano di 45 anni, si sarebbe fermato accanto all'auto guidata da un trentino aggredendolo verbalmente e intimandolo di fermarsi e scendere dall'auto. L'uomo, alla guida del mezzo, avrebbe proseguito la propria strada fino a quando il motociclista, assieme ad alcuni “colleghi”, ha deciso di organizzare un vero e proprio blocco sulla strada costringendo, in questo modo, l'automobilista a fermarsi.

 

Sceso dall'auto è iniziata l'aggressione fisica con schiaffi e spintoni. Il trentino è stato anche colpito violentemente da un casco. La vittima non ha reagito alla violenza ma ha sporto denuncia e a processo ha chiesto oltre 5 mila euro di risarcimento. Il motociclista 45enne bresciano è accusato di violenza privata, lesioni e minacce.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato