Contenuto sponsorizzato

''Ala ora è più sicura''. Nuove telecamere ai varchi e nei centri abitati

Due tipi di tecnologia saranno messi a disposizione di Polizia locale e Carabinieri. L'amministrazione ha speso 130 mila euro: "Le telecamere controllano anche la regolarità di revisione e assicurazione"

Pubblicato il - 12 settembre 2018 - 13:09

ALA. La notizia la dà il Comune: "Ala è più sicura: sono entrate in funzione otto nuove telecamere, collocate ai varchi alle entrate nord e sud". Ma non solo: "E' stata aggiunta una nuova telecamera all'interno dei centri abitati, che si aggiunge alle 7 già attive"

 

"La cosa più importante - comunica l'amministrazione - è che tutto il sistema è stato messo in rete, e ora viene controllato direttamente dai carabinieri e dalla Polizia locale di Ala e Avio. In precedenza infatti i dati venivano trasmessi a Trentino Network, e il Comune doveva rivolgersi a questa per avere le immagini".

 

Sono due i tipi di telecamere che monitorano il territorio di Ala. Ce ne sono otto (una appena installata, le precedenti sette già in funzione dalla precedente amministrazione) collocate in luoghi "sensibili" dei centri abitati, sia di Ala centro che delle frazioni. Controllano isole ecologiche, parchi pubblici, scuole, aree ritenute 'sensibili'.

 

L'altro tipo è quello che controlla i varchi di ingresso nord e sud al Comune. Ce ne sono due a nord e due a sud, ciascuna con due telecamere, che controllano i passaggi in entrata e in uscita. Queste telecamere, oltre che a 'vedere' chi entra e chi esce da Ala, controllano anche automaticamente se i veicoli sono in regola con l'assicurazione o la revisione.

 

Va ricordato che eventuali contestazioni vanno fatte in maniera immediata sul posto da una pattuglia. Pattuglie della polizia locale che però sono collegate al sistema tramite tablet, e possono facilmente, in questo modo, risalire ai veicoli non in regola. Al tempo stesso anche i carabinieri sono molto facilitati nelle loro indagini, e controllare chi entra o esce da Ala, eventualmente seguire veicoli sospetti.

 

Le telecamere di videosorveglianza all'interno dei centri urbani, posizionate in luoghi strategici, servono da deterrente (o a risalire ad eventuali colpevoli) di atti di vandalismo, abbandoni di rifiuti nelle isole ecologiche, danneggiamenti a luoghi pubblici e così via.

 

Con il nuovo software ora in dotazione alla polizia locale di Ala e Avio gli agenti possono non sono visionare le immagini: il programma evidenzia nei filmati i momenti in cui si sono verificati movimenti nell'immagine, pertanto non è più necessario andare a controllare ore e ore di girato.

 

Basta andare avanti e indietro col cursore selezionando i momenti in cui la telecamera ha visto qualcosa spostarsi. L'amministrazione sta valutando di implementare il sistema, aggiungendo ulteriori telecamere in altri punti delle aree urbane, o in accesso alle frazioni. Il sistema è progettato in modo che possa connettersi e mettersi in rete con quello già attivato nella confinante Rovereto, per un controllo più efficace.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 15:37

L’ultimo esemplare radiocollarato è una femmina, ribattezzata “Cimbra”, con la sua cattura sarà possibile acquisire dati che serviranno a evitare le predazioni sugli animali domestici. Gli esperti: “Se si vogliono trovare soluzioni ci si deve attenere ai fatti evitando il sensazionalismo. Progetto replicabile? Sì, in tutto l’arco alpino, anche nei confronti degli orsi”

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 13:30

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato