Contenuto sponsorizzato

Vandali e imbrattatori alla chiesa di San Pietro, arrivano sei telecamere

Nelle prossime due settimane (meteo permettendo) ne saranno installate 4 al centro civico di Povo, una a villa de Mersi, 4 a Oltrecastello e 2 a San Rocco. Le installazioni riprenderanno poi in primavera con circa ulteriori 90 telecamere in diverse zone, tra città e sobborghi

Pubblicato il - 19 settembre 2018 - 15:55

TRENTO. Stop ai vandali e agli imbrattatori seriale. L'area intorno alla chiesa di San Pietro da domani sarà video-sorvegliata.

 

Ad annunciarlo è l'Amministrazione comunale informando che sono al lavoro i tecnici per l'installazione di sei telecamere fisse e ad alta risoluzione nelle vie circostanti l'edificio sacro, che nei mesi scorsi è stato uno dei bersagli preferiti da vandali e imbrattatori seriali.

 

Due telecamere sono state già posizionate alcuni giorni fa in vicolo della Contrada tedesca (lato nord), altre quattro saranno montate tra oggi e domani nella zona tra vicolo San Pietro e piazzetta Anfiteatro. Tutte saranno collegate al sistema di videosorveglianza comunale e potranno fornire immagini in diretta o registrate utili alle forze dell'ordine per garantire la sicurezza dei cittadini e la tutela del patrimonio pubblico.

 

Attualmente nel territorio comunale sono in funzione 550 telecamere. Nelle prossime due settimane (meteo permettendo) ne saranno installate 4 al centro civico di Povo, una a villa de Mersi, 4 a Oltrecastello e 2 a San Rocco. Le installazioni riprenderanno poi in primavera con circa ulteriori 90 telecamere in diverse zone, tra città e sobborghi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato