Contenuto sponsorizzato

Aveva un ordine di carcerazione e stava entrando in Italia. Fermato e arrestato al Brennero un 25enne tunisino

Dagli accertamenti fatti da parte delle Polizia, è emerso che il giovane aveva  fatto richiesta di asilo politico in Germania già per ben due volta e gli era stata rifiutata

Pubblicato il - 07 September 2018 - 20:32

BOLZANO. Aveva già chiesto per ben due volte asilo in Germania e in Italia, dove stava ora cerando di arrivare, era stato condannato per molteplici reati.

 

Nella giornata di ieri, un tunisino di 25 anni, è stato fermato alla stazione ferroviaria di Brennero a bordo del trento Eurocity 85, proveniente da Monaco e diretto da Rimini.

 

Il giovane stava cercando di entrare in Italia quando ha attirato l'attenzione di alcuni agenti di polizia. Il viaggiatore, munito di biglietto ferroviario valido per la tratta Chemnitz - Bolzano, esibiva però documentazione non idonea per entrare nel territorio nazionale.

 

Il 25enne è stato quindi accompagnato presso il Commissariato, dove era sottoposto ad accertamenti più accurati, dai quali emergeva che aveva fatto richiesta di asilo politico in Germania per ben due volte nel corso degli ultimi anni. Inoltre, oltre a vari alias, aveva a suo carico, numerosi precedenti penali per reati commessi in Italia, quali rapina, ricettazione ed un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Perugia, dovendo espiare un anno di pena.

 

Il giovane è stato alla fine trasferito presso il carcere di Bolzano.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 28 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 giugno - 20:24
David Dallago ha chiesto di essere ascoltato dalla Pm e questo potrebbe avvenire già entro questa settimana. Nei giorni scorsi, intanto, sono [...]
Cronaca
29 giugno - 20:08
Provincia e Apss intervengono sulla questione dopo i danneggiamenti di questa notte in Piazza Dante: “Il soggetto era già conosciuto e Apss era [...]
Cronaca
29 giugno - 20:24
La protesta si è svolta oggi (29 giugno) sotto il palazzo della Regione. A prendere parte diverse associazioni: "Simili episodi non devono mai [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato