Contenuto sponsorizzato

Aveva un ordine di carcerazione e stava entrando in Italia. Fermato e arrestato al Brennero un 25enne tunisino

Dagli accertamenti fatti da parte delle Polizia, è emerso che il giovane aveva  fatto richiesta di asilo politico in Germania già per ben due volta e gli era stata rifiutata

Pubblicato il - 07 September 2018 - 20:32

BOLZANO. Aveva già chiesto per ben due volte asilo in Germania e in Italia, dove stava ora cerando di arrivare, era stato condannato per molteplici reati.

 

Nella giornata di ieri, un tunisino di 25 anni, è stato fermato alla stazione ferroviaria di Brennero a bordo del trento Eurocity 85, proveniente da Monaco e diretto da Rimini.

 

Il giovane stava cercando di entrare in Italia quando ha attirato l'attenzione di alcuni agenti di polizia. Il viaggiatore, munito di biglietto ferroviario valido per la tratta Chemnitz - Bolzano, esibiva però documentazione non idonea per entrare nel territorio nazionale.

 

Il 25enne è stato quindi accompagnato presso il Commissariato, dove era sottoposto ad accertamenti più accurati, dai quali emergeva che aveva fatto richiesta di asilo politico in Germania per ben due volte nel corso degli ultimi anni. Inoltre, oltre a vari alias, aveva a suo carico, numerosi precedenti penali per reati commessi in Italia, quali rapina, ricettazione ed un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Perugia, dovendo espiare un anno di pena.

 

Il giovane è stato alla fine trasferito presso il carcere di Bolzano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 18:25

Il presidente ha annunciato il nuovo documento che dal 3 dicembre cambia le cose e permette nuove libertà per i cittadini. Saltano tutte le restrizioni in più rispetto alla ''normale'' zona gialla. Ecco cosa cambia

02 December - 18:59

Dopo il distretto di Feltre, anche nel resto della provincia di Belluno è arrivata l’Unità speciale di continuità assistenziale, un team di 11 medici che si occupano di seguire i pazienti Covid nelle loro abitazioni, attraverso visite e consulti a distanza. Questo servizio permetterà di alleggerire il lavoro dei medici di famiglia e, dall’altra, assicurerà una minore pressione sugli ospedali

02 December - 17:56

Sono stati analizzati 3.705 tamponi, 278 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,5%. Aumenta il numero delle persone ricoverate in ospedale, così come quello in terapia intensiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato