Contenuto sponsorizzato

Azione dei carabinieri contro lo spaccio e la micro-criminalità a Trento: un arresto in via delle Orfane e diverse persone denunciate

I carabinieri in azione su piazza Dante e piazza Santa Maria Maggiore contro lo spaccio di sostanze stupefacenti

Pubblicato il - 19 gennaio 2018 - 18:32

TRENTO. E' un'azione a 360 gradi contro lo spaccio di sostanze stupefacenti e alla micro-criminalità quella portata avanti negli ultimi giorni dai carabinieri della Compagnia di Trento.

Una serie di interventi che hanno riguardato alcune piazze e vie centrali della città capoluogo.

 

Nell’ambito delle operazioni di identificazione di persone sospette, è stato rintracciato e arrestato in via delle Orfane un 32enne destinatario di un provvedimento detentivo emesso dal Tribunale di Trento, di cui si era alla ricerca da molteplici giorni. L'uomo è stato condotto presso il carcere di Spini.

 

L'attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti si è svolta invece in piazza Dante e piazza Santa Maria Maggiore. In questo caso sono state denunciate in stato di libertà più persone sorprese in possesso di dosi di sostanze stupefacenti e materiale atto a presupporre la finalità di spaccio. Solo negli ultimi giorni, in materia di sostanze stupefacenti, sono sette le persone denunciate all’Autorità giudiziaria di Trento.

 

Ulteriore attività è stata svolta dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile che hanno denunciato altre tre persone che si sono rese responsabili di una tentata rapina di un telefono cellulare compiuta nei pressi della Stazione Ferroviaria di Piazza Dante.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 04:01

Quella vissuta da una madre e un figlio trentini è una storia che ha accomunato molti cittadini, abbandonati a sé stessi nell'isolamento da Coronavirus e nella confusione di normative che continuano a cambiare. Chiusi in casa per un mese perché positivi al Covid, si sono dovuti arrangiare per poter finalmente tornare a lavorare

26 novembre - 08:05

E' stato per circa 30 anni parroco a San Martino a Trento e per tantissimi anni ha celebrato la tradizionale benedizione dei motocilisti provenienti da ogni parti del nord Italia 

25 novembre - 20:49

Il più grande giocatore di tutti i tempi è morto all'età di 60 anni. Il ricordo del giornalista Raffaele Crocco: "Con lui il calcio tornava ad essere quello che è: un gioco. Maradona si divertiva, stupiva, rendeva forti tutti i compagni di squadra facendoli partecipare alla festa, alla sua festa, condividendola. Per lui le partite – tutte, chiunque fosse l'avversario – erano uguali: puro divertimento, suo, prima di tutto"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato