Contenuto sponsorizzato

Centra l'isola spartitraffico e si ribalta, grave incidente alle 5.30 prima di Lavis

L'incidente è avvenuto su via Nazionale. Per estrarre dal veicolo l'uomo sono state necessarie le pinze idrauliche dei vigili del fuoco

Pubblicato il - 10 giugno 2018 - 15:17

LAVIS. Grave incidente questa mattina lungo la statale 12 che collega Trento a Lavis. Un'auto ha centrato l'isola spartitraffico che divide le due carreggiate e ha finito per ribaltarsi e per soccorrere l'uomo che era alla guida sono stati necessari i vigili del fuoco con la pinza idraulica e i sanitari. Il fatto è avvenuto poco dopo le 5.30 proprio all'altezza dell'incrocio che conduce verso Meano, San Lazzaro e Albiano.

 

Ancora non sono chiare le ragioni ma sta di fatto che l'uomo alla guida del mezzo, un 56enne, ha allargato troppo la traiettoria finendo per centrare lo spartitraffico posto in mezzo a via Nazionale, che in quel punto si riduce a due corsie con opposto senso di marcia. La macchina ha abbattuto il cartello stradale e sbattendo sull'alto marciapiede si è sollevata finendo per ricadere sul fianco con due ruote all'aria.

 

Lo schianto è stato molto forte e subito sono stati allertati i soccorsi. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco che con le pinze idrauliche sono riusciti ad estrarre il ferito e a caricarlo sull'ambulanza giunta sul posto. L'uomo è stato subito portato al Santa Chiara. I carabinieri hanno, quindi, eseguito i rilievi e compiranno le verifiche del caso per capire cosa abbia provocato l'incidente. L'intervento si è concluso intorno alle 7 del mattino grazie ai vigili del fuoco di Lavis che hanno anche fatto il servizio di pulizia strada e ripristinato la viabilità.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato