Contenuto sponsorizzato

Centra l'isola spartitraffico e si ribalta, grave incidente alle 5.30 prima di Lavis

L'incidente è avvenuto su via Nazionale. Per estrarre dal veicolo l'uomo sono state necessarie le pinze idrauliche dei vigili del fuoco

Pubblicato il - 10 giugno 2018 - 15:17

LAVIS. Grave incidente questa mattina lungo la statale 12 che collega Trento a Lavis. Un'auto ha centrato l'isola spartitraffico che divide le due carreggiate e ha finito per ribaltarsi e per soccorrere l'uomo che era alla guida sono stati necessari i vigili del fuoco con la pinza idraulica e i sanitari. Il fatto è avvenuto poco dopo le 5.30 proprio all'altezza dell'incrocio che conduce verso Meano, San Lazzaro e Albiano.

 

Ancora non sono chiare le ragioni ma sta di fatto che l'uomo alla guida del mezzo, un 56enne, ha allargato troppo la traiettoria finendo per centrare lo spartitraffico posto in mezzo a via Nazionale, che in quel punto si riduce a due corsie con opposto senso di marcia. La macchina ha abbattuto il cartello stradale e sbattendo sull'alto marciapiede si è sollevata finendo per ricadere sul fianco con due ruote all'aria.

 

Lo schianto è stato molto forte e subito sono stati allertati i soccorsi. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco che con le pinze idrauliche sono riusciti ad estrarre il ferito e a caricarlo sull'ambulanza giunta sul posto. L'uomo è stato subito portato al Santa Chiara. I carabinieri hanno, quindi, eseguito i rilievi e compiranno le verifiche del caso per capire cosa abbia provocato l'incidente. L'intervento si è concluso intorno alle 7 del mattino grazie ai vigili del fuoco di Lavis che hanno anche fatto il servizio di pulizia strada e ripristinato la viabilità.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato