Contenuto sponsorizzato

Cittadini ''ostaggio'' delle barriere anti-terrorismo? Il Comune replica: ''Pochi commenti pregiudizialmente ostili''

Nei giorni scorsi in vista della Notte di Fiaba sono state posizionate in città le barriere, quasi immediate sono arrivate le segnalazioni di alcuni residenti, ma il Comune replica: “Il transito è consentito”. I fuochi d'artificio spostati a domenica

Di Tiziano Grottolo - 25 agosto 2018 - 13:23

RIVA DEL GARDA. Come ormai succede da un paio d’anni a questa parte, sulla scia dei tragici attentati che colpirono varie città tra cui Nizza e Münster, per le grandi manifestazioni sono previste misure di sicurezza speciali.

 

Per questo nei giorni scorsi il comune di Riva ha posizionato delle barriere in cemento armato per impedire il transito di mezzi pesanti nelle principali vie del centro, dove si svolgerà la tradizionale ‘Notte di Fiaba’, manifestazione che ogni anno fa affluire migliaia di persone in città. 

 

Non a tutti però è piaciuta l’iniziativa, in particolare a non aver gradito le barriere sono stati alcuni residenti di Viale Dante Alighieri, in molti hanno affidato le loro lamentele ai social.

 

Vi sembra normale non poter né entrare né uscire dalla propria abitazione?” - e ancora - “Oggi arrivo a casa e mi trovo questo sbarramento che mi impedisce di arrivare a casa. Ma fossi solo io. All’interno dell’area ‘rossa’ ci sono 5 zone di parcheggio privato e nessun individuo ha ricevuto la comunicazione che in questi giorni di festa non sarà possibile accedere alle proprie pertinenze”. Queste accuse lanciate dai residenti di Viale Dante Alighieri sono state riprese anche da alcuni quotidiani regionali.

A stretto giro è però arrivata la replica piccata dell’amministrazione che tramite un comunicato stampa ha fatto sapere che la collocazione delle barriere di sicurezza è un dovere imposto da precise norme inerenti la ‘pubblica sicurezza’, oltre al fatto che le stesse sono state collocate seguendo un preciso Piano di sicurezza redatto dal Comitato Manifestazioni Rivane, la realtà che si occupa dell’organizzazione della manifestazione, in accordo con il commissariato di polizia.

 

Il comune precisa inoltre che questa volta, a differenza dell’anno scorso, è stato comunque garantito il passaggio dei veicoli (fino alla dimensione dei piccoli furgoni) che procedendo a ‘zig zag’ possono comunque accedere alle aree residenziali. 

 

Il comunicato del Comune conclude - domandandosi in maniera retorica - “Qual è il senso e quale l'utilità di questa cosiddetta ‘polemica sui social’ - liquidando la diatriba - “Come una serie di pochi commenti pregiudizialmente ostili”.

 

Nel frattempo a causa delle avverse previsioni meteo, gli attesissimi fuochi d'artificio di "Notte di fiaba" sono stati posticipati a domani, domenica 26 agosto. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 12:37

Il presidente del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani (organismo “consulente” della Giunta e del Consiglio Provinciale) manda una lettera all'assessore all'istruzione e cultura per chiedergli di non far saltare quell'importante attività di educazione alla cittadinanza attiva che per tanti giovani è stata anche una delle prime esperienze lavorative: ''Credo non solo debba essere garantito nei suoi progetti ma addirittura rafforzato''

25 maggio - 06:01

Ci auguriamo che non ci sia una ''prossima volta'' parlando di epidemie e che quindi questa sia solo un'uscita infelice di Segnana, l'attacco a un organismo professionale che in questi mesi non si è risparmiato per cercare di risolvere le criticità, senza magari tutti quegli elementi in mano alla task force e l'esecutivo, appare davvero ingeneroso

25 maggio - 11:33

Migliora sensibilmente anche la situazione all’interno delle strutture sanitarie bolzanine dove rimangono ricoverati solo 35 pazienti. I posti letto occupati in terapia intensiva sono 3, altri 2 altoatesini si trovano ricoverati nelle cliniche austriache

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato