Contenuto sponsorizzato

Collegio Infermieri, senza quorum quattro elezioni su sette. L'ultima volta Zappini fu costretta a fare un passo indietro

Claudio Cia ha rivelato lo storico dal 2003 ad oggi. Nel 2005 votò soltanto il 6% degli aventi diritto quando la legge impone il 10%

Di Donatello Baldo - 19 marzo 2018 - 21:04

TRENTO. L'aveva scoperto ilDolomiti.it che nelle ultime elezioni del Collegio degli Infermieri trentini a cui aveva partecipato Luisa Zappini, non si era raggiunto il quorum valido. Lei fece finta di nulla, perché se nessuno diceva niente tutto sarebbe filato via liscio.

 

Ma dopo la segnalazione si mobilitarono alcuni infermieri e anche il consigliere provinciale Claudio Cia. Mancavano alcuni voti per arrivare alla soglia fissata per legge del 10% degli aventi diritto. In un primo tempo l'ufficio stampa del Collegio diede per certa l'elezione, arrivando a festeggiare il nuovo mandato di Zappini come presidente.

 

Poi lei stessa, dopo un tira e molla con il Collegio nazionale, decise il passo indietro, tant'è che si sono svolte nuove elezioni e ora il Collegio ha una nuova presidenza. Il consigliere provinciale Claudio Cia, dopo una domanda di accesso agli atti presso il Collegio trentino, riporta lo storico delle passate elezioni, con alcune sorprese.

 

Dal 2003 ad oggi, su sette elezioni, quattro risultano senza quorum. Sono quelle svolte nel 2003, nel 2005, nel 2011 e nel 2017. Rispettivamente la percentuale fu del 7.78%, del 6.10%, 6.07% e del 9.78%. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 aprile - 19:34

Le vittime sono 4 donne e 5 uomini. Tra i decessi legati a Covid-19 anche Raffaele Zancanella, scario e ex presidente della Magnifica comunità, e il 28enne Lucjan Elezi. I contagi sono 2.671 in provincia

01 aprile - 20:40

Come anticipato dal ministro Roberto Speranza in Senato le restrizioni proseguono. Il premier: "Ci rendiamo conto che chiediamo uno sforzo e un sacrificio ma non siamo nelle condizioni di poter fare diversamente"

01 aprile - 18:04

Di fronte alle scorribande dell'orso più ricercato d'Italia, protagonista questo mese di danni ad arnie e malghe, dal mondo animalista arrivano gli inviti a non allarmarsi. La Lav Trentino: "Non c'è da allarmarsi, è un animale che sta lontano dalle persone. Bisogna fare investimenti per aumentare la prevenzione, che, come dimostrato in altri luoghi, funziona"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato