Contenuto sponsorizzato

Crolla il ponte Morandi. Al momento 11 morti, tra di loro anche un bambino

Sul posto stanno lavorando senza sosta vigili del fuoco, ambulanze, forze dell'ordine, esercito e unità cinofile. Alcune persone sarebbero state estratte vive dalle macerie QUI AGGIORNAMENTO

Pubblicato il - 14 agosto 2018 - 14:57

GENOVA. Sono almeno undici le vittime accertate, secondo il primo bilancio del Viminale e tra i morti ci sarebbe anche un bambino. Questo il tragico bilancio destinato a crescere dopo il terribile crollo del ponte Morandi avvenuto questa mattina sull'A10.

 

Sul posto stanno lavorando senza sosta ai soccorsi vigili del fuoco, ambulanze, forze dell'ordine, esercito e unità cinofile. Sono stati messi a disposizione tutti gli ospedali di Lombardia e Piemonte. Alcune persone sono state estratte vive dalle macerie e si troverebbero in gravi condizioni

 

 

Secondo le prime ipotesi, a causare il crollo potrebbe essere stato un cedimento strutturale.

 

 

Autostrade per l’Italia ha comunicato che sulla struttura risalente agli anni ‘60 erano in corso lavori di consolidamento della soletta del viadotto e che era stato installato un carro-ponte per consentire lo svolgimento delle attività di manutenzione.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 maggio - 16:09

Fra i 2 positivi uno è minorenne, il numero dei pazienti ricoverati scende a 16, di cui 3 in rianimazione a Rovereto. Ben 1597 i tamponi effettuati

30 maggio - 16:08

Sono 2.168 le persone guarite dal Covid-19 (+ 18 rispetto a ieri). A queste si aggiungono 805 persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. Il numero complessivo dei guariti fra sicuri e sospetti si attesta a 2.973 (+ 23 rispetto al giorno precedente)

30 maggio - 11:55

La Polizia postale ribadisce l'importanza di non rivelare mai a nessuno, via telefono come via social o via email, i nostri dati più sensibili, le nostre password dispositive, i pin o i nostri codici di accesso denominati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato