Contenuto sponsorizzato

Dalle borse "Chanel" ai cd di vari artisti, sequestrati quasi 90 prodotti taroccati

Un campionario vario e variegato. Questo il bottino sequestrato nella giornata di oggi dalla guardia di finanza in via Gazzoletti a Trento

Pubblicato il - 16 maggio 2018 - 17:15

TRENTO. Tre borse "Chanel", cinquantaquattro cd di artisti vari, otto cinture in pelle e due in camoscio, ma anche tre marsupi e otto portafogli.

 

Ma non è tutto. A questo si aggiungono due porta-documenti, tre portachiavi e tre pile di varie dimensioni.

 

Un campionario vario e variegato. Questo il bottino sequestrato nella giornata di oggi dalla guardia di finanza. 

 

Nel mirino delle fiamme gialle un senegalese intento a vendere in via Gazzoletti a Trento merce presumibilmente contraffatta e senza averne titolo.

 

Dopo l'identificazione e gli accertamenti di rito, i finanziari hanno sequestrato il materiale, mentre l'uomo è stato denunciato a piede libero l'uomo per i reati di violazione del diritto d'autore, ricettazione e vendita di prodotti industriali contraffatti.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato