Contenuto sponsorizzato

Arriva il Giro e la finanza sequestra polo e magliette contraffatte

Il Gruppo di Trento ha bloccato due furgoni carichi di abbigliamenti sportivi e magliette griffate. In un caso la licenza di vendita era francese e quindi non valida nell'altro era merce falsa

Pubblicato il - 22 maggio 2018 - 18:41

TRENTO. Arriva il Giro e come tutti i grandi eventi si porta dietro abusivismo commerciale e prodotti contraffatti. La Guardia di Finanza di Trento in occasione del passaggio del 101° Giro d’Italia nel capoluogo trentino è scesa in pista per contrastare i traffici illeciti fermando un furgone commerciale carico di polo con marchio contraffatto e un secondo furgone che trasportava magliette, pantaloncini e accessori da ciclismo.

 

Nel dettaglio una pattuglia delle Fiamme Gialle del Gruppo di Trento ha fermato nei pressi di Mezzolombardo, ieri mattina, un furgone commerciale, per verificarne il carico. A prima vista, i documenti di trasporto esibiti dal conducente, un cittadino italiano originario del veronese, e la merce trasportata sembravano essere a posto, ma i finanzieri hanno cominciato a effettuare un riscontro fisico del carico, trovando anche diverse scatole contenenti in tutto 106 polo di vari colori, riportanti il marchio “Coveri”, per le quali il conducente non ha saputo giustificare l’acquisto e l’originalità.

 

 

Le polo, che a prima vista potevano essere confuse con quelle originali perché di ottima fattura, erano in realtà false poiché presentavano caratteristiche particolari che le rendevano chiaramente diverse da quelle ufficiali: tutti dettagli che non sono sfuggiti agli occhi attenti dei militari. Tutti i capi sono stati sequestrati, il conducente segnalato per la violazione degli articoli del codice penale che riguardano contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi e vendita di prodotti industriali con segni mendaci, che prevedono pene, nel massimo, da sei mesi a tre anni e con la multa da 3.500 a 35.000 euro.

 

Nel giorno del passaggio del 101° Giro d’Italia a Trento è stato, poi, fermato e segnalato amministrativamente un cittadino francese che trasportava in un furgone per la successiva vendita magliette, pantaloncini e accessori da ciclismo. Il commerciante aveva con sé una licenza di commercio francese che però non è valida in Italia (così come la licenza italiana non ha validità in Francia) e pertanto l’attività di vendita è stata considerata abusiva; oltre alla contestazione di una sanzione amministrativa da 1.500 a 9.000 euro ai sensi della legge provinciale sul commercio, al cittadino francese sono stati sequestrati quasi cinquemila prodotti per la successiva confisca.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

10 dicembre - 09:03

L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Il giovane si trovava in Val Badia con altri amici per trascorrere una giornata sulla neve 

10 dicembre - 08:10

La donna è stata trasferita al reparto di rianimazione dell'ospedale Santa Chiara di Trento. Il personale della centrale operativa di Trentino Emergenza ha guidato gli astanti nelle prime manovre di rianimazione 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato