Contenuto sponsorizzato

Deve fare l'esame di guida ma manda l'amico al suo posto. Segnalato ai Carabinieri

Un 26enne senegalese ha mandato l'amico della Guinea al suo posto per sostenere l'esame di guida. La scuola ha scoperto la truffa e segnalata alla Motorizzazione e ai carabinieri

Pubblicato il - 28 aprile 2018 - 09:21

MEZZOLOMBARDO. “Dove e quando sei nato?” è bastata questa semplice domanda per avere la conferma che il ragazzo che doveva sostenere l'esame di guida non era la persona esatta ma un amico mandato al suo posto.

 

Il fatto è successo ieri a Mezzolombardo presso l'autoscuola Acli. Il ragazzo che avrebbe dovuto svolgere l'esame di pratica era un senegalese di 26 anni residente a Bolzano. Dopo aver sostenuto la teoria alla Motorizzazione ieri mattina doveva affrontare la pratica.

 

Per farlo, però, ha mandato un suo amico. Il titolare dell'autoscuola aveva visto il 26enne solo una volta, dopo l'esame di teoria (fatto privatamente), e ieri mattina si è subito insospettito. Il ragazzo che gli si è presentato davanti, infatti, assomigliava poco al ragazzo che aveva visto a dicembre, e gli erano sorti subito dei dubbi. Tra l'altro non sapeva nemmeno guidare bene.

 

Al controllo dei documenti si è subito accertato che non era il 26enne senegalese che doveva sostenere l'esame. Alla domanda: “dove e quando sei nato?” il giovane è crollato e non ha saputo più cosa dire. Il fatto è stato immediatamente segnalato alla Motorizzazione e ai carabinieri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 novembre - 05:01

Caritas diocesana e Fondazione Comunità Solidale restituiscono la fotografia delle povertà sul territorio provinciale, con numeri in leggera crescita rispetto lo scorso anno. “Tanti stranieri utilizzano i servizi di accoglienza come punto di riconoscimento e di appoggio per avere un luogo sicuro dove pernottare in attesa dei documenti”

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato