Contenuto sponsorizzato

Dramma a Trento, donna incinta soffocata dal cibo. Il bambino nasce con un cesareo. Entrambi in fin di vita

E' successo sabato sera a Trento. Ora sia la madre che il bambino di appena 28 settimane si trovano in gravi condizioni al Santa Chiara 

Pubblicato il - 04 June 2018 - 10:53

TRENTO. Si trovano in ospedale in fin di vita al Santa Chiara una mamma ed un neonato di appena 28 settimane. Sabato sera, la donna incinta stava mangiando quando si è sentita male. Un boccone di cibo le è andato di traverso e non è più riuscita a respirare.

 

Immediati i soccorsi, il primo a intervenire è stato il marito. Tentativi disperati per far tornare la moglie a respirare e far arrivare l'ossigeno anche al bimbo che portava in grembo.

 

Sul posto, intanto, si sono portati i soccorsi sanitari che hanno avviato immediatamente le manovre del caso. In condizioni disperate la donna è stata immediatamente trasferita all'ospedale Santa Chiara di Trento.

 

A rischio di vita non solo la madre ma anche il bambino che portava in grembo. I medici hanno quindi deciso di praticare un tagli cesareo d'urgenza.

 

Sia il bambino che la madre hanno sofferto per la mancanza di ossigeno e le condizioni di entrambi sono gravissime. Ora la madre si trova in rianimazione mentre il piccolo di appena 28 settimana è stato trasferito in terapia intensiva neonatale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 marzo - 12:56

Il ministro della salute ha spiegato, durante la presentazione dei dati del Programma nazionale Esiti, la situazione per l'apparato sanitario: da un lato lo sguardo deve andare al domani e al servizio sanitario universale ma dall'altro c'è il problema imminente della pandemia e di una terza ondata che pare sempre più una realtà

01 marzo - 11:09

Kompatscher ha pubblicato alcuni insulti che gli sono stati recapitati via social, l’appello contro odio e fake news: “Informazioni fuorvianti possono portare a decisioni sbagliate e mettono a rischio la coesione e la fiducia che sarebbero necessarie ora per superare la crisi”

01 marzo - 11:10

La notizia è stata confermata dall'Azienda sanitaria altoatesina a il Dolomiti. In Provincia di Bolzano i controlli sulle varianti sono estesissimi e a pochi giorni fa erano già 630 i casi di mutazioni trovati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato