Contenuto sponsorizzato

Due anziane imboccano l'uscita della statale Rovereto-Trento contromano

La Seicento si è fermata appena in tempo solo perché stava arrivando un'altra auto

Pubblicato il - 09 May 2018 - 12:35

ROVERETO. Si è bloccata appena in tempo, solo perché stava arrivando un'altra macchina altrimenti si sarebbe ritrovata in statale, sull'asse principale che collega Rovereto a Trento direttamente contromano. Insomma una manovra pericolossissima che solo per fortuna non si è concretizzata. Siamo alla rotonda davanti allo Stadio Quercia di Rovereto, quella che mette in collegamento e in comunicazione la statale a Rovereto e a Villa Lagarina.

 

Intorno alla 11.10 di questa mattina una coppia di anziane a bordo di una vecchia Seicento, probabilmente proveniente proprio dal sobborgo, ha pensato bene di infilarsi contromano nell'uscita dalla statale dopo aver percorso parte della grande rotatoria. Al momento di imboccarla, però, stava scendendo un altro veicolo fortunatamente non lanciato a grande velocità, che ha fatto in tempo a rallentare e a segnalare alle due donne che stavano per compiere una pericolosa infrazione.

 

Questa volta si può dire che la segnaletica non c'entra visto che pare impossibile sbagliarsi in quel punto. Eppure è successo anche questo. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 20:24

Sono 227 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

05 marzo - 19:50

E' emerso un focolaio allo studentato, 8 ragazzi a San Bartolameo sono risultati positivi e sono in corso in particolare le verifiche su un’altra quarantina di persone. Non si esclude che la diffusione di Covid sia riconducibile a una variante

05 marzo - 18:56

Ha frequentato una scuola di moda e dopo un periodo di gavetta, la 25enne è rimasta senza occupazione a causa della crisi innescata dall'emergenza Covid-19 ma non si è persa d'animo. Cecilia Bianchi: "Lavoravo in un negozio di tendaggi ma vista la situazione difficile mi sono ritrovata a casa. A quel punto ho iniziato a riflettere sul mio futuro con maggiore forza e ho deciso di rimettermi in gioco con energia con una mia attività"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato