Contenuto sponsorizzato

Due cani maltrattati, un uomo a processo. L'Enpa si costituisce parte civile

La vicenda risale a metà dello scorso anno. Due lupi cecoslovacchi erano costretti a vivere in pochi metri e spesso lasciati senza mangiare

Pubblicato il - 05 febbraio 2018 - 17:37

TRENTO. Lasciava i cani, due esemplari "lupo cecoslovacco", in mezzo alla sporcizia e rinchiusi in due box in pochi metri quadrati di spazio senza spesso dargli da mangiare e bere. Sono maltrattamenti pesanti quello a cui deve rispondere il proprietario, un uomo di Carisolo, di due lupi cecoslovacchi.

 

La vicenda risale a luglio dello scorso anno e l'indagine ha preso le mosse da alcune segnalazioni fatte dai cittadini alle guardie zoofile dell'Enpa. “Siamo intervenuti circa un anno fa – ci spiegano dall'Ente nazionale protezione animali – dopo che alcuni cittadini ci avevano segnalato la condizioni in cui vivevano questi due animali che si trovavano in due box in mezzo ad un appezzamento di terra. Li abbiamo tenuti sotto controllo per circa un mese facendo fotografie e video. Non potevano mai uscire, spesso si trovavano in mezzo alla sporcizia e il proprietario che viveva in un paese vicino gli portava da mangiare quando si ricordava”.

 

Gli indizi rilevati hanno portato al sequestro dei due animali. Dopo la richiesta di dissequestro avanzata dal proprietario, e respinta dal Tribunale del riesame, nel corso dell'udienza di oggi, l'avvocato Claudia Ricci ha presentato l'istanza dell'Enpa di costituzione di parte civile. Una richiesta che è stata ammessa dal giudice. La prossima udienza è prevista per il 20 luglio

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato