Contenuto sponsorizzato

Due morti, quattro dispersi e tantissimi feriti, ma è una simulazione di maxi-emergenza

L'allarme alle 9 per un incidente che ha coinvolto più mezzi. La simulazione ha visto in campo 150 unità dei soccorsi. Allestito anche l'ospedale mobile

Di Luca Andreazza - 14 aprile 2018 - 20:22

TRENTO. Il bilancio è di due morti, quattro dispersi (poi recuperati) e diversi feriti. E 150 unità entrate in azione nel corso della simulazione di una maxi emergenza che si è svolta sabato 14 aprile dalle 9 alle 13.

 

L'allarme è stato lanciato intorno alle 9, quando si è verificato un incidente tra più veicoli lungo la strada provinciale 85 tra Sardagna e Candriai. Un'auto ha cercato di superare una corriera con a bordo una quindicina di persone in direzione Vason, ma si è trovata davanti un'altra vettura verso Sardagna. Inevitabile l'impatto e un mezzo si è pure capottato con persone incastrate nell'abitacolo.

 

Alcuni sotto shock si sono perse nel bosco, mentre la Croce Rossa ha allestito l'ospedale mobile per far fronte all'emergenza, ma dalla Croce Bianca Trento a Trentino Emergenza, dalla Croce Rossa di Tesero all'Orsa maggiore Vallarsa, ma anche la polizia municipale di Trento, il soccorso alpino, i vigili del fuoco volontari del distretto di Trento, l'unità di soccorso tecnico e Trentino trasporti, tutti si sono messi a disposizione per testare l'operatività tra enti e realtà diverse.

"Questo - spiega Mirko Demozzi, presidente della Croce Bianca di Trento - è un progetto sviluppato negli ultimi due mesi per implementare il coordinamento tra corpi diversi. Nei casi di emergenze che coinvolgono più enti è importante la catena di comando e questa simulazione serve per incentivare e migliorare la sinergia tra tutte le realtà nelle difficoltà di momenti di forte stress".

 

La strada è stata chiusa al transito veicolare fino alla conclusione delle operazioni intorno alle 13 e i Nu.Vol.A si occuperanno dell'organizzazione del pranzo offerto a tutti i partecipanti alle ex Caserme di Candriai, quindi al termine c'è stato il primo debrifing con tutti i soccorritori partecipanti.

 

"Un ringraziamento - conclude Demozzi - a tutti i corpi coinvolti che si sono messi a disposizione, che ognuno nel proprio ruolo ha collaborato fattivamente alla riuscita di questa simulazione e che rappresenta, così come tutto il sistema dei soccorsi, un fiore all'occhiello del Trentino: le nostre unità sono tutte brave, ma senza la capacità di collaborare una situazione di emergenza non può mai andare a buon fine".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

21 novembre - 19:46

Per colpa del maltempo una frana si è abbattuta sulla strada che collega le frazioni di Zoldo Alto e Forno di Zoldo (dove si trova la scuola). Per questo i bambini sono stati coinvolti in una singolare avventura: aggirare la colata di fango sopra una passerella sul torrente Maé

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato