Contenuto sponsorizzato

Due persone morte per legionella. L'incontro tra il sindaco di Andalo e l'Azienda sanitaria. Proseguono le indagini dei carabinieri

Nell'incontro il primo cittadino di Andalo ha chiesto ulteriori verifiche all'acquedotto. Tra gli interventi anche un incontro formativo con i tecnici dell'Azienda sanitaria per albergatori e proprietari privati di case vacanze

Di Giuseppe Fin - 31 agosto 2018 - 21:03

ANDALO. Un corso di formazione per albergatori ma soprattutto per i proprietari privati di appartamenti e ulteriori controlli, per sicurezza, all'acquedotto comunale. Queste le due principali azioni che il sindaco di Andalo, Alberto Perli, ha concordato ieri mattina con l'Azienda provinciale per i servizi sanitari.

 

L'incontro è stato deciso a seguito dei due decessi per legionella avvenuti nelle scorse settimane e che hanno visto vittime un uomo  84 anni e una donna di 82 anni. L'Ufficio Igiene e Sanità pubblica dell'Azienda sanitaria trentina ha già avviato dei controlli più approfonditi e sulle due morti la Procura ha aperto un fascicolo per fare chiarezza.

 

“Non c'è alcun problema specifico su Andalo – ha voluto chiarire il sindaco – e i due casi riguardano due persone che avevano una situazione patologica già conclamata. Purtroppo situazioni del genere si verificano in località turistiche con strutture ricettiva che hanno impianti idrici complessi e magari in alcuni casi usati saltuariamente”.

 

Se da un lato gli albergatori hanno già nella loro formazione professionale delle conoscenze inerenti queste tematiche,  un intervento informativo più approfondito viene previsto per tutti quei proprietari privati di case vacanze. “L'incontro che faremo – ha spiegato il sindaco – sarà rivolto prevalentemente a loro ma non solo. I tecnici dell'azienda sanitaria spiegheranno le procedure esatte da fare per mantenere salubri i sistemi idrici”.

 

Ad oggi, ha affermato in sindaco, non esiste alcun problema all'acquedotto comunale, “di questo abbiamo la certezza visto che i controlli che facciamo periodicamente che non hanno mai registrato problemi. Lo stesso vale per i controlli fatti dall'azienda sanitaria. Ho comunque chiesto al Servizio Igiene e sanità pubblica di fare ulteriori verifiche per scongiurare ogni ipotesi anche se la temperatura dell'acqua del nostro acquedotto non permette la vita a questi batteri”.

 

Intanto ecco alcuni consigli che si possono mettere in campo per evitare che i batteri della legionella si moltiplichino diventando in questo modo pericolosi sopratutto per le persone già debilitate.

 

Disinfezione di bollitori, colonne , anelli di circolazione e terminali prima di ogni apertura stagionale (shock termico con produzione di acqua di almeno 70 gradi; flussare almeno 5 minuti ogni terminale, sia caldo che freddo dopo ogni fermo impianto; questo farlo mensilmente per le parti poco utilizzate.

 

Svuotamento, pulizia e disinfezione degli accumulatori almeno due volte all'anno, mantenere sopra i 50/55 gradi la temperatura dell'acqua sanitaria circolante, stare attenti alla manutenzione dei terminali dell'impianto (filtrini rubinetti, soffioni doccia ecc.), monitoraggio delle temperature dell'acqua fredda e sanitaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato