Contenuto sponsorizzato

E' Enzo Casagranda la vittima del terribile frontale contro un mezzo pesante in Valsugana

Un malore tra le ipotesi dell'invasione di corsia da parte del cinquantenne di Pergine. L'uomo è stato liberato dai pompieri con le pinze idrauliche, vani i tentativi di rianimazione del personale sanitario

Pubblicato il - 27 giugno 2018 - 18:05

CALDONAZZO. E' Enzo Casagranda di Pergine la vittima del tragico incidente avvenuto intorno alle 13.30 tra Levico e Caldonazzo all'altezza della pizzeria Al Sole, dove la strada statale 47 si incontra con via Brenta.

 

I carabinieri sono ancora in fase di definizione della dinamica del violento frontale costato la vita al conducente, ma potrebbe esserci un malore alla base dell'impatto.

 

La prima ricostruzione indicherebbe, infatti, che il cinquantenne al volante della Panda stava guidando da Levico verso Pergine, quando nel breve tratto di rettilineo avrebbe invaso la corsia opposta

 

A quel punto il mezzo pesante proveniente dalla direzione opposta non ha potuto nulla per evitare il terribile scontro. L'ennesima vittima lungo la strada statale 47 della Valsugana. 

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza, autosanitaria e elicottero, i vigili del fuoco volontari di Caldonazzo e il corpo di Levico, così come i carabinieri per effettuare i rilievi e gestire il traffico, completamente bloccato.

 

Dopo aver messo in sicurezza l'area, i pompieri sono intervenuti con le pinze idrauliche per liberare Casagranda dall'abitacolo. Vani i tentativi di rianimare il cinquantenne da parte del personale sanitario, l'uomo purtroppo non ce l'ha fatta. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

14 dicembre - 19:51

Si tratta di un uomo di 53 anni di Zambana. Faceva parte di un gruppo di tre persone. I soccorritori sono riusciti ad individuarlo e dopo averlo estratto da sotto la neve, in stato iniziale di ipotermia, è stato trasportato a Merano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato