Contenuto sponsorizzato

E' scomparso da una settimana: ''Potrebbe trovarsi in Trentino''. Gli amici di Luca: ''Aiutateci a ritrovarlo''

Luca Abrigo è scomparso ad Alba il 2 novembre ma a bordo della sua Nissan Quashqai di colore grigio, targata EY350DA potrebbe aver raggiunto il Trentino che spesso visitava durante le vacanze

Pubblicato il - 10 novembre 2018 - 13:25

TRENTO. Luca Abrigo è di Alba e dal 2 novembre ha fatto perdere le sue tracce. Dopo essere uscito di casa la mattina presto non vi ha più fatto rientro. Ha preso la macchina per andare al lavoro, ma al lavoro non è mai arrivato. Vani i tentativi di chiamarlo al cellulare che risulta spento.

 

Le ricerche nei dintorni sono partite immediatamente ma nessuna segnalazione di Luca, atteso a casa dalla moglie e dalla figlia piccola. Gli amici hanno pensato di estendere le ricerche, ipotizzando che con la sua  Nissan Quashqai di colore grigio (targata EY350DA) possa aver raggiunto altre mete. 

 

Una di queste potrebbe essere il Trentino, luogo molto caro a Luca, frequentato durante le vacanze. "Vi chiedo la grande cortesia di far passare, se vi e possibile, l'immagine di questo ragazzo, scomparso da casa già da una settimana", scrive un amico. "Lo stiamo cercando dappertutto, ma visto che è un estimatore del Trentino, dove veniva spesso in vacanza, non escludiamo possa magari trovarsi da quelle parti".

 

Ogni segnalazione è di fondamentale importanza e nel caso di un avvistamento è importante avvisare immediatamente le Forze dell'ordine ed eventualmente contattare il 338-8998674. "Se poteste anche diramare questo post ad altri in Trentino, ci fareste veramente un grande favore", conclude l'amico di Luca.

 

Luca Abrigo ha 40, è alto 1.70, occhi castani, capelli castani. Al momento della scomparsa indossava una felpa blu, pantaloni della tuta grigi, scarpe da ginnastica e portava gli occhiali da vista. E' scomparso da Alba (Cuneo)  il 2 novembre. 

 

La sua auto, una Nissan Quashqai di colore grigio, targata EY350DA, non è stata ritrovata. Al suo interno c'è un peluche rosso a forma di coccinella, appesa una piccola maglietta con la scritta di un nome, un seggiolino per bambini e sui vetri posteriori sono sistemate delle tendine parasole color giallo ocra con decorazioni rappresentanti animali di fantasia.

L'appello è stato raccolto anche dai Vigili del fuoco volontari di Vigolo Vattaro che lo hanno subito diramato sui profili social affinché il messaggio possa essere condiviso:

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 13:30

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica dal titolo ''Ruoli''. E proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento di rinunciare ai Mercatini scrivendo ''portae inferi non praevalebunt'' e che spiega di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan, essere il braccio destro del numero uno alla cultura e all'istruzione?

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato