Contenuto sponsorizzato

Erano stati arrestati per vilipendio in Thailandia, presi di mira sul web sono pronti a denunciare per diffamazione

I due giovani altoatesini erano stati condannati a sette mesi di reclusione con la condizionale, 100 euro di multa e l'espulsione dal Paese asiatico. Anche la Farnesina e l'Ambasciata italiana erano intervenuti per farli rientrare il prima possibile

Pubblicato il - 09 giugno 2018 - 11:57

BOLZANO. Non è ancora conclusa la vicenda di Tobias Gamper e Ian Gerstgrasser, gli altoatesini arrestati nel gennaio 2017 per vilipendio alla bandiera della Thailandia.

 

I due giovani si erano resi protagonisti in vacanza della bravata che era costata la condanna a sette mesi con la condizionale in aggiunta alla sanzione di 100 euro a testa e l'espulsione dal Paese asiatico. Anche la Farnesina e l'Ambasciata italiana erano entrate in azione per riportare Gamper e Gerstgrasser a casa il prima possibile.

 

Erano atterrati a Bangkok e sarebbero dovuti andare a Koh Pangan e Koh Samui, ma la loro vacanza si era interrotta quasi subito dopo 800 chilometri nell'abitato di Krabi.

 

L'accusa era di vilipendio e le loro immagini avevano fatto il giro del mondo, mentre con sguardo basso e mani congiunte chiedevano scusa alla Thailandia per l'oltraggio causato dopo aver strappato e buttato a terra alcune bandiere. Si erano giustificati dicendo che erano ubriachi e che in Italia "la bandiera non è così importante".

 

Nella giornata di venerdì l’intera vicenda è stata ricostruita davanti al giudice delle indagini preliminari Peter Michaeler. All’epoca in internet vennero diffusi due video in cui si notavano i due giovani strappare alcune bandiere thailandesi e poi cercare di scusarsi all’interno di una caserma di polizia.

 

In poche ore il video aveva raggiunto i 165 mila utenti in internet:  al rientro in Italia i due giovani altoatesini vennero travolti da una serie di commenti, in alcuni casi molto pesanti.

 

Nei confronti di quegli utenti che sulla bacheca di Facebook (accessibile a tutti e dunque pubblica) hanno offeso Gamper e Gerstgrasser è molto probabile che il procedimento penale vada avanti con l’ipotesi di reato di diffamazione.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 ottobre - 18:59
"Purtroppo, le farmacie e le strutture pubbliche/private dedicate a questo servizio non sono in grado di compiere giornalmente un numero di test [...]
Cronaca
17 ottobre - 18:13
Il corpo senza vita di Elio Coletti è stato rinvenuto dall'unità cinofili dei vigili del fuoco. Il 58enne si era allontanato di casa in cerca di [...]
Cronaca
17 ottobre - 17:55
Ci hanno provato prima i familiari e poi il personale sanitario giunto sul posto con l'elisoccorso ma per il 62enne non c'era più niente da fare. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato