Contenuto sponsorizzato

Espulso dal questore di Trento per violenza sessuale, cerca di rientrare in Italia con un'identità diversa

Il 39enne albanese è stato fermato e arrestato dalla Polizia di Merano

Pubblicato il - 05 gennaio 2018 - 18:42

MERANO. Cerca di rientrare in Italia con una nuova identità dopo essere stato espulso ma viene fermato dall'ufficio immigrazione del Commissariato di Merano. Ad essere arrestato dalla Polizia di Stato è un cittadino albanese di 39 anni già condannato in passato per il reato di violenza sessuale, espulso dal questore di Trento con il divieto di 10 anni di rientrare in Italia.

 

L'uomo, in patria, aveva però contratto matrimonio con una cittadina italiana. Come concesso dalla legge albanese, lo stesso aveva cambiato il cognome acquisendo quello della moglie ed aveva quindi ottenuto un passaporto con la nuova identità, che gli ha permesso di rientrare in Italia eludendo i controlli frontalieri.

 

Lo straniero ha quindi presentato richiesta di rilascio della carta di soggiorno per famigliare di cittadino italiano, nella speranza che non emergesse la sua vecchia identità. Gli operatori dell’Ufficio Immigrazione del Commissariato di Merano, insospettiti dal fatto che lo straniero, cittadino albanese, avesse un cognome italiano diffuso nel meranese, a seguito di ulteriori accertamenti, sono risaliti al cognome da celibe dell’uomo, con il quale è risultato essere oggetto di un provvedimento di espulsione, nonché destinatario dell’esecuzione di un residuo di pena detentiva in carcere.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:05

Oggi la Giunta provinciale ha approvato il documento attraverso il quale si avvierà la riduzione delle presenze all'interno della residenza fino alla chiusura. Sul tema dell'accoglienza il neo sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha spiegato che tra Pat e Comune ci sono due linee opposte: "Sbagliato scaricare sulla città tutti gli oneri come è stato fatto negli ultimi anni. La strada giusta è l'accoglienza diffusa"

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:19

Se Riva pare la piazza più in bilico dove la destra potrebbe tentare il colpo forte anche dell'alleanza con i civici di Malfer e il Patt locale, quello provinciale ricorda ai suoi elettori da che parte sta l'Autonomia. Intanto anche le Sardine tornano a farsi sentire (giovedì a Riva alle 17 ci sarà un flash mob) ben consce del fatto che anche nelle piazze dove qualcuno poteva sperare nel cambiamento il rischio di ritrovarsi con la Lega del Trentino (e non quella di Zaia) al governo è troppo alto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato