Contenuto sponsorizzato

Faceva Slackline sui Denti della Sega, muore dopo essere precipitato Matteo Pancaldi (IL VIDEO GIRATO SU QUELLA CORDA)

Due settimane fa aveva postato il trailer della spedizione della sua associazione, la Slackline Bologna Asd, mentre affrontava proprio quello strapiombo dove ha perso la vita ieri sera. Tra i suoi ultimi post il video e la scritta: "Iniziano bene queste vacanze''

Pubblicato il - 30 giugno 2018 - 13:18

AVIO.  Pensare che solo due settimane fa, il 13 giugno, postava la scritta su Facebook ''iniziano bene queste vacanze'' e il video di lui e dei suoi amici della Slackline Bologna Asd che affrontavano proprio i Denti della Sega, lo strapiombo che si è dimostrato fatale per Matteo. La tragedia si è consumata ieri pomeriggio. Il corpo di Matteo Pancaldi, 30 anni di Spilamberto (provincia di Modena) da tempo residente a Bologna e tra i soci fondatori della Slackline Bologna A.S.D. che ha sede proprio a Bologna, e che l'anno scorso era diventata ''famosa'' in città per una suggestiva camminata sopra piazza Maggiore, è stato ricomposto intorno a mezzanotte tra la fitta vegetazione sotto il Corno d'Aquilio al confine tra Trento e Verona.

 

 

L'allarme era stato dato intorno alle 18.45 per un incidente avvenuto in quella zona della Lissinia. Sul posto, l'equipaggio dell'elicottero di Verona Emergenza ha subito visto tre funi sospese, una lunga e due più corte, a unire come un ponte invisibile le guglie delle montagne. Erano le slackline e da subito non si è potuto che pensare al peggio. Atterrati e raggiunti 5 ragazzi della comitiva è stato riferito che il giovane era caduto mentre stava percorrendo la corda più lunga.

 

Un volo senza speranza di circa 150 metri nel vuoto. Sulle cause indagano i carabinieri trentini anche se dalle prime informazioni pare che il giovane stesse eseguendo il pericolosissimo attraversamento con l'imbracatura. L'elicottero ha poi volato per imbarcare in diverse rotazioni le squadre del soccorso alpino di Verona e di Ala, le quali sono state trasportate a oltre 1.300 metri di quota. 

 

A fianco al corpo del ragazzo, trovato infondo alla gola, vi erano due amiche. Le due ragazza sono state riaccompagnate alla macchina dai primi soccorritori arrivati, ai quali si sono aggiunti anche tecnici di Villa Lagarina e Rovereto. Il recupero del corpo della vittima è stato impegnativo per il soccorso alpino. La salma ricomposta è stata imbarellata e sollevata verso l'alto nel canale per 250 metri, facendole superare salti di roccia di circa 30 metri, dopo aver attrezzato una teleferica e poi per contrappeso.

 

Una volta in cima la barella è stata calata nel bosco sull'altro versante per circa 120 metri fino alla strada, per essere poi affidata ai carabinieri e al carro funebre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato