Contenuto sponsorizzato

Favoreggiamento alla prostituzione, condannato un 58enne che diede a conoscenti il numero di una prostituta

La giovane, in passato, era finita sotto inchiesta per estorsione

Pubblicato il - 24 gennaio 2018 - 09:00

TRENTO. Ha segnalato il numero di una prostituta ad altre persone affinché si potessero accordare per delle prestazioni sessuali. A finire nei guai è stato un 58enne della Val di Fassa che è stato condannato a 1 anno e 4 mesi di reclusione con la condizionale e al pagamento di mille euro.

 

L'accusa è quella di aver favorito la prostituzione. Secondo le prove raccolte sarebbero quattro le persone con quali la donna si sarebbe poi accordata per prestazioni sessuali.

 

La giovane prostituta, però, già in passato aveva avuto dei problemi con la giustizia. La donna, infatti, era già finita sotto inchiesta per estorsione. L'accusa era quella di aver ricattato un 36enne della Val Rendena fingendosi minorenne e con la diffusione di alcune foto intime dell'uomo se non le fossero stati versati dei soldi. Alla fine il 36enne denunciò la situazione alla carabinieri.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 settembre - 05:01

Era impiegato fino a 12 ore giorno per pochi euro alla settimana, lavoratore in nero soccorso dalla guardia di finanza: Sono senza un euro ma sono sollevato. Se il futuro mi preoccupa? Certo, ma almeno ora posso affrontarlo a testa alta”

21 settembre - 09:22

Violento impatto nella notte tra domenica 20 e lunedì 21 settembre sulla strada statale della Pusteria, all'altezza di Vandoies di Sotto. Due auto si sono scontrate, con un conducente rimasto incastrato tra le lamiere. Necessario l'intervento dei vigili del fuoco per estrarlo

20 settembre - 21:54

La casa editrice che ha pubblicato “Mussolini ha fatto anche cose buone” si è vista recapitare l’opera corredata da una lettera (con nome e indirizzo) con commenti e vaghe minacce rivolte allo storico trentino Francesco Filippi. La replica: Non tutti gli stupidi sono fascisti, ma tutti i fascisti sono stupidi. Questa è la prova che a certa gente i libri fanno ancora paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato