Contenuto sponsorizzato

Fermato a Trento l'uomo accusato di uno stupro avvenuto a Reggio Emilia. Si nascondeva in un hotel

Lo stupro è avvenuto la scorsa settimana. L'uomo si era nascosto in un hotel a Trento 

Pubblicato il - 03 agosto 2018 - 11:29

TRENTO. A distanza di pochi giorni è stato rintracciato in un hotel a Trento l'uomo, nato in Ghana, regolare sul territorio nazionale, autore di uno stupro di una ragazza avvenuto il 26 luglio a Reggio Emilia nell'area delle ex Reggiane.

 

Il giovane stava scappando e si era nascosto in un hotel di Trento. L'individuazione e la cattura dell'uomo è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra carabinieri e poliziotti trentini: l'uomo è stato identificato e su di lui ora pendono gravissime accuse e indizi concordanti per il reato di violenza sessuale consumata ai danni della  donna proveniente dall'Est.

 

Quest'ultima, ricorsa poi alle cure sanitarie, la settimana scorsa aveva raccontato alle forze dell'ordine di essere aggredita alle spalle, picchiata e violentata.

 

Il Gip di Trento ha convalidato l'arresto e l'uomo è stato portato al carcere di Trento. Il caso, ora, passa al Tribunale di Reggio Emilia per competenza territoriale.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato