Contenuto sponsorizzato

Frana di sassi e parapetto lacerato, la ''ciclabile dei sogni'' di Limone è già chiusa

Nessuna persona è rimasta fortunatamente ferita o coinvolta, ma poco fa il sindaco di Limone ha deciso di chiudere la tratta in attesa della messa in sicurezza

Foto dei vigili del fuoco di Riva del Garda
Pubblicato il - 24 agosto 2018 - 19:11

LIMONE. La "ciclabile dei sogni" è già chiusa, inaugurata il 14 luglio scorso tra fasce tricolori, autorità, ministri, applausi e sorrisi, oggi il brusco stop a causa della caduta di alcuni sassi. 

 

Nessuna persona è rimasta fortunatamente ferita o coinvolta, ma poco fa il sindaco di Limone ha deciso di chiudere la tratta in attesa della messa in sicurezza.

 

Dopo le prime segnalazioni, sul posto si sono portati geologi e vigili del fuoco di Riva del Garda per un sopralluogo a causa della frana: i sassi hanno lacerato anche la rete sottostante al parapetto.

Frana di sassi sulla ciclabile di Limone

 

E' durata un mese e mezzo la possibilità di godere del meraviglioso panorama sul lago attraverso un percorso, costruito a sbalzo direttamente sull'acqua, che costeggia per due chilometri la strada statale 45 bis tra la zona nord dell'abitato di Limone fino al confine con il Trentino.

 

All'inaugurazione, che aveva visto esibirsi anche due aerei con tanto di fumogeni tricolori, avevano preso parte, tra gli altri, il ministro Toninelli, l'assessore regionale lombardo Fabio Rolfi e l'assessore trentino Gilmozzi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 febbraio - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

28 febbraio - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato