Contenuto sponsorizzato

Ha accoltellato la moglie per gelosia. Femminicidio a Merano, confessa il marito

Ieri poco dopo mezzogiorno la tragedia. La donna, Alexandra Riffeser, è stata trovata dalla sorella in un pozza di sangue

Pubblicato il - 25 settembre 2018 - 15:21

BOLZANO. “Uccisa per gelosia” questa la confessione arrivata da Johannes Beutel. L'uomo, ora rinchiuso in carcere, avrebbe ammesso di aver massacrato la compagna Alexandra Riffeser.

 

L'omicidio è avvenuto ieri poco dopo mezzogiorno. A dare l'allarme era stata la sorella che avrebbe sentito gridare Alexandra che viveva nello steso edificio. Fortunatamente i due bambini piccoli della coppia si trovavano da un'altra parte del maso, con la nonna, e non hanno assistito al delitto. Alexandra era senza vita, stesa per terra, in una pozza di sangue. Era stata accoltellata.

 

Il tutto si è consumato in un grande maso di famiglia circondato da frutteti e vigneti gestito dalla famiglia Riffesser come agriturismo.

 

Poco dopo era stato fermato il marito, il 38enne Johannes Beutel. Ora la confessione. La mano dell'uomo sarebbe stata armata dalla gelosia e dalla crisi profonda che la coppia stava vivendo.

 

L'uomo è ora rinchiuso nel carcere di Bolzano. Nelle prossime ore si svolgerà l'interrogatorio di garanzia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica dal titolo ''Ruoli''. E proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento di rinunciare ai Mercatini scrivendo ''portae inferi non praevalebunt'' e che spiega di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan, essere il braccio destro del numero uno alla cultura e all'istruzione?

01 dicembre - 11:30

Sono 283 i contagi identificati a fronte di 3.428 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta all'8,3%. Un dato che si divide tra i 94 positivi ai 1.185 tamponi molecolari (7,93%) e i 189 casi con 2.243 test antigenici (8,43%)

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato