Contenuto sponsorizzato

I Carabinieri di Trento: ''Non siamo mai andati via dalla Portela'' e mettono a segno un'altra operazione in centro storico

A meno di pochi giorni dall’esecuzione delle sette misure cautelari per reati in materia di sostanze stupefacenti, nella serata di ieri è stato portato a termine un altro arresto e un deferimento in stato di libertà

Pubblicato il - 26 maggio 2018 - 08:58

TRENTO. “I carabinieri non sono mai andati via dalla Portela”, un chiaro messaggio ai cittadini e alle tante persone che negli ultimi giorni hanno chiesto una maggiore presenza delle forze dell'ordine in città in maniera continua.

 

A chi ha parlato di pochi militari e agenti sul campo e di mancanza di controlli efficaci la compagnia dei carabinieri di Trento ha risposto dimostrando ancora una volta il lavoro che viene fatto, spesso sottotraccia, con una nuova operazione in centro storico.

 

A meno di pochi giorni dall’esecuzione delle sette misure cautelari a carico di altrettante persone responsabili dei reati di cui al D.P.R. 309/90 in materia di sostanze stupefacenti, nella serata di ieri è stato portato a termine un altro arresto e un deferimento in stato di libertà.

 

Ammonta a circa 200 grammi la sostanza stupefacente del tipo hashish tolta dalla circolazione, che ha portato altresì all’identificazione di due “nuove” persone sullo scenario della criminalità connessa al mondo degli stupefacenti. A preoccupare è l'eta delle persone identificate. Si tratta di minorenni, il che preoccupa largamente in quanto i minorenni non solo assumono sostanze stupefacenti ma ne diventano anche spacciatori.

 

All’identificazione dei due, che ha portato all’arresto di uno ed al deferimento in stato di libertà dell’altro, si è arrivati dall’atteggiamento sospetto dei minori che, in vicolo del Vo, in pieno centro storico, avvicinatisi ad una siepe, hanno cominciato a cercarvi affannosamente qualcosa, malcelando l’agitazione.

\

L’atteggiamento dei minori ha destato l’attenzione dei militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Trento che hanno fermato prontamente i minori, ritrovati in possesso di quanto appena prelevato dalla siepe: circa 200 grammi di hashish, pronto per essere destinato allo smercio.

 

L’immediata perquisizione degli stessi ha permesso altresì di rinvenire nella disponibilità degli stessi ulteriori dosi di sostanze stupefacenti del tipo hashish e, ancora più preoccupante, di eroina.

 

I minori sono stati accompagnati quindi presso la Caserma di via Barbacovi ove, alla presenza dei genitori, è stata determinata la loro posizione: uno tratto in arresto e l’altro deferito in stato di libertà a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 11:41

I tamponi analizzati sono 1530. I pazienti covid19 ricoverati in ospedale sono 16 e a questi si aggiunge una persona che si trova in terapia intensiva 

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 11:26

Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco, il soccorso alpino e i sanitari. E' successo sul sentiero del “Tracciolino”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato