Contenuto sponsorizzato

Importava le auto in Italia ma non pagava l'Iva. Evasione da 850 mila euro

L'illecito, che ha portato alla denuncia dell'imprenditore per violazione delle leggi in materia tributaria, è stato scoperto dal Servizio antifrode dell'Ufficio delle Dogane di Trento, che ha provveduto anche al sequestro preventivo di 11 mila euro

Pubblicato il - 25 aprile 2018 - 16:46

TRENTO. I prezzi delle sue auto, che vendeva attraverso i siti online, erano decisamente più vantaggiosi. Semplice: non pagava l'Iva e questo faceva abbassare di molto le sue spese. Il rivenditore di una ditta di Trento, poi spostata a Matera, importava automobili dall'Unione europea e le rivendeva in Italia, evadendo però l'imposta per un valore complessivo di 850 mila euro.

 

L'illecito, che ha portato alla denuncia dell'imprenditore per violazione delle leggi in materia tributaria, è stato scoperto dal Servizio antifrode dell'Ufficio delle Dogane di Trento, che ha provveduto anche al sequestro preventivo di 11 mila euro. Nello specifico si tratta dell'attività di compravendita che è avvenuta tra il 2014 e il 2016, su un totale di 180 veicoli.

 

Il rivenditore, come prevede la normativa, avrebbe dovuto versare l'Iva sulla prima cessione, ma per gabbare il fisco faceva risultare le automobili già immatricolate in Italia così da speculare sul "Regime del Margine" che prevede una recupero sul prezzo del bene solo, però, nel caso si tratti di un usato.

 

Una strategia ingegnosa che però non è sfuggita ai controlli che hanno portato immediatamente alla denuncia e alla successiva decisione del Gip per il rinvio a giudizio. Gip che ha convalidato anche il sequestro dei beni all'imprenditore originario di Matera.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato