Contenuto sponsorizzato

Importava le auto in Italia ma non pagava l'Iva. Evasione da 850 mila euro

L'illecito, che ha portato alla denuncia dell'imprenditore per violazione delle leggi in materia tributaria, è stato scoperto dal Servizio antifrode dell'Ufficio delle Dogane di Trento, che ha provveduto anche al sequestro preventivo di 11 mila euro

Pubblicato il - 25 aprile 2018 - 16:46

TRENTO. I prezzi delle sue auto, che vendeva attraverso i siti online, erano decisamente più vantaggiosi. Semplice: non pagava l'Iva e questo faceva abbassare di molto le sue spese. Il rivenditore di una ditta di Trento, poi spostata a Matera, importava automobili dall'Unione europea e le rivendeva in Italia, evadendo però l'imposta per un valore complessivo di 850 mila euro.

 

L'illecito, che ha portato alla denuncia dell'imprenditore per violazione delle leggi in materia tributaria, è stato scoperto dal Servizio antifrode dell'Ufficio delle Dogane di Trento, che ha provveduto anche al sequestro preventivo di 11 mila euro. Nello specifico si tratta dell'attività di compravendita che è avvenuta tra il 2014 e il 2016, su un totale di 180 veicoli.

 

Il rivenditore, come prevede la normativa, avrebbe dovuto versare l'Iva sulla prima cessione, ma per gabbare il fisco faceva risultare le automobili già immatricolate in Italia così da speculare sul "Regime del Margine" che prevede una recupero sul prezzo del bene solo, però, nel caso si tratti di un usato.

 

Una strategia ingegnosa che però non è sfuggita ai controlli che hanno portato immediatamente alla denuncia e alla successiva decisione del Gip per il rinvio a giudizio. Gip che ha convalidato anche il sequestro dei beni all'imprenditore originario di Matera.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 settembre - 08:59
L'incidente è avvenuto questa mattina poco prima delle 8 sulla strada provinciale 228 che passa per Masetti
Politica
17 settembre - 06:01
La dirigente della Formazione professionale ha detto che questo è il primo anno dei nuovi piani di studio e quindi sono 12 mesi di assestamento. [...]
Montagna
16 settembre - 10:52
Per celebrare il suo 150esimo anniversario una banca svizzera ha posizionato su 150 vette dell’arco alpino delle “steli pubblicitarie”. La [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato