Contenuto sponsorizzato

Importava le auto in Italia ma non pagava l'Iva. Evasione da 850 mila euro

L'illecito, che ha portato alla denuncia dell'imprenditore per violazione delle leggi in materia tributaria, è stato scoperto dal Servizio antifrode dell'Ufficio delle Dogane di Trento, che ha provveduto anche al sequestro preventivo di 11 mila euro

Pubblicato il - 25 aprile 2018 - 16:46

TRENTO. I prezzi delle sue auto, che vendeva attraverso i siti online, erano decisamente più vantaggiosi. Semplice: non pagava l'Iva e questo faceva abbassare di molto le sue spese. Il rivenditore di una ditta di Trento, poi spostata a Matera, importava automobili dall'Unione europea e le rivendeva in Italia, evadendo però l'imposta per un valore complessivo di 850 mila euro.

 

L'illecito, che ha portato alla denuncia dell'imprenditore per violazione delle leggi in materia tributaria, è stato scoperto dal Servizio antifrode dell'Ufficio delle Dogane di Trento, che ha provveduto anche al sequestro preventivo di 11 mila euro. Nello specifico si tratta dell'attività di compravendita che è avvenuta tra il 2014 e il 2016, su un totale di 180 veicoli.

 

Il rivenditore, come prevede la normativa, avrebbe dovuto versare l'Iva sulla prima cessione, ma per gabbare il fisco faceva risultare le automobili già immatricolate in Italia così da speculare sul "Regime del Margine" che prevede una recupero sul prezzo del bene solo, però, nel caso si tratti di un usato.

 

Una strategia ingegnosa che però non è sfuggita ai controlli che hanno portato immediatamente alla denuncia e alla successiva decisione del Gip per il rinvio a giudizio. Gip che ha convalidato anche il sequestro dei beni all'imprenditore originario di Matera.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato