Contenuto sponsorizzato

In mostra la bandiera d'Italia regalata da Cadorna alla Città di Ala: ''Omaggio agli alpini''

Un dono che risale al 1915, durante la Prima guerra mondiale. L'esposizione in biblioteca da venerdì a sabato. Giovedì l'inaugurazione alle 18

Pubblicato il - 09 maggio 2018 - 19:57

ALA. Nella biblioteca di Ala, conservata con la cura del caso, è conservata una bandiera con lo stemma sabaudo, donata alla città dal generale Cadorna. Oltre ad altri documenti, questo è senza dubbio il pezzo forte che sarà esposto in una mostra in concomitanza dell'Adunata degli Alpini.

 

Un dono che risale al 1915, durante la Prima guerra mondiale. La città, che venne subito presa dagli italiani, ricevette dopo la fine del conflitto l'attestato di benemerenza e la croce al merito “per l'italianità ed il patriottismo”. I documenti che raccontano queste vicende verranno esposti in biblioteca, a partire da giovedì 10 maggio, in una mostra organizzata assieme al gruppo alpini “Mario Sartori”.

 

Il vessillo ricorda i fatti del maggio 1915: la fanteria italiana invase l'Italia subito dopo la dichiarazione di guerra all'Impero Austroungarico. L'esercito arrivò ben presto ad Ala, e portava con sé una bandiera, come voleva il generale Cadorna.

 

Fu il generale Cantore a consegnare la bandiera alla città di Ala. Quella bandiera venne issata sulla torre del Castello del Buonconsiglio il 3 novembre 1918. Pochi anni dopo il tricolore con stemma sabaudo venne solennemente consegnato al sindaco di Ala Luigi Zanotti il 27 maggio del 1922.

 

“Il Sindaco di Ala riceve in consegna lo storico e glorioso gonfalone della Città e solennemente promette per sé e i suoi successori che sarà religiosamente conservato e custodito affinché le genti presenti e future ricordino sempre le virtù cittadine e nazionali degli avi e seguano l’esempio di virtù di abnegazione, di forza da loro dimostrato”, recita il verbale di consegna.

 

Tra gli altri documenti in esposizione, ci saranno l'attestato di benemerenza conferito al Comune nel 1969, “per l’alta opera di italianità svolta a perpetuare il ricordo dei valorosi”; e quello per la Croce al merito, conferito alla città nel 1921 per “l’ammirevole condotta serbata e per le prove di alto patriottismo date durante la guerra 1915-1918”.

 

La mostra fotografica e documentaria verrà inaugurata giovedì alle 18 in biblioteca e sarà visitabile venerdì e sabato, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. La mostra fotografica e documentaria è curata della Biblioteca comunale di Ala e dal Gruppo Alpini “Mario Sartori” di Ala; costituisce l’anteprima di un’esposizione più articolata che avrà luogo ad Ala fra i mesi di ottobre e novembre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato