Contenuto sponsorizzato

In oltre 200 al rave party sui prati in Cimana. Bloccati da un tronco e multati dai carabinieri

I giovani sono arrivati da diverse zone del Nord Italia venerdì sera ignorando i divieti di chiusura al traffico di alcune strade forestali. Ieri mattina sono rimasti bloccati da un tronco e i carabinieri, avvisati dai residenti e dai vigili del fuoco, hanno controllato e multuto i partecipanti

Pubblicato il - 10 settembre 2018 - 09:31

POMAROLO. Un rave party sui prati di Cimana di Pomarolo con oltre 200 partecipanti, perlopiù persone arrivate da altre regioni del nord Italia a partire da venerdì sera e rimasti sul posto fino al tardo pomeriggio di ieri.

 

I giovani per raggiungere il prato per la festa notturna illegale hanno usato macchine, camper e anche dei camion percorrendo dei tratti di strada forestale chiusa al traffico.

 

Ieri mattina, però, ad attenderli c'era una brutta sorpresa. Nella notte, infatti, qualcuno aveva abbattuto un albero che, messo in mezzo alla strada, ha impedito ai giovani di andarsene.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri, avvisati dai residenti, che sono riusciti a bloccare i giovani che ieri mattina stavano ancora festeggiando sui prati e che non potevano muovere l'auto perché bloccati dal tronco. Il bilancio dell'operazione è stato un centinaio di mezzi controllati e multati.

 

Sul posto sono poi intervenuti i vigili del fuoco volontari di Pomarolo che hanno provveduto a rimuovere l'albero abbattuto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 maggio - 16:09

Fra i 2 positivi uno è minorenne, il numero dei pazienti ricoverati scende a 16, di cui 3 in rianimazione a Rovereto. Ben 1597 i tamponi effettuati

30 maggio - 15:26

Domani scadrà la proroga fatta nei mesi scorsi da parte della Provincia per i posti invernali e extra nei dormitori affinché le persone, con l'emergenza coronavirus, non siano abbandonate in strada. Ora, però, il rischio è che 160 persone non abbiano più un posto dove dormire. La mobilitazione dell'assemblea Antirazzista in piazza Duomo a Trento 

30 maggio - 12:02

L’inseguimento è avvenuto sulla montagna di Mortaso, in località Zeller, in Val Rendena, pochi giorni fa ed il relativo video aveva trovato ampia diffusione in rete, suscitando numerosissime, comprensibili, reazioni indignate. Il Corpo Forestale Trentino ribadisce l’indicazione di non inseguire assolutamente la fauna selvatica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato