Contenuto sponsorizzato

#IOSTOCONMATTARELLA, in tanti a Trento in piazza. Si chiude con l'inno di Mameli e Bella Ciao

Quasi 400 persone e tante associazioni e gruppi politici hanno deciso di partecipare alla manifestazione indetta solo poche ore prima. Oltre al sostegno simbolico al Capo della Stato, si è voluto ribadire i concetti di autonomia, Europa e si sono toccati temi importanti come il lavoro e l'economia

Di Cinzia Patruno - 30 maggio 2018 - 19:58

TRENTO. La chiamata è arrivata solo ieri, ma le persone che hanno scelto di incontrarsi per dare il proprio sostegno simbolico al Presidente della Repubblica erano tra le 350 e le 400. Un passaparola che ha fatto centro, coinvolgendo diverse centinaia di sostenitori e sostenitrici di ogni età in un clima denso di partecipazione. La testimonianza che eventi di questo tipo servono eccome: l'attivismo si rende necessario dove, a muoversi, non è un popolo "da social", ma piuttosto un popolo "da piazza".

 

"Oggi siamo qui – ha esordito il consigliere Mattia Civico, ringraziando le tante associazioni che hanno scelto di dire sì alla manifestazione - in particolare per difendere la figura del Capo dello Stato e quello che rappresenta. Caro Presidente Mattarella, come in tante piazze del paese, siamo qui per dire che siamo con te".

 

In poche ore dall'indizione della manifestazione avevano già aderito Acli, Anpi, Arci, Cgil del Trentino, Cisl del Trentino, Uil del Trentino, ConSolida, Associazione Demo, Associazione Domani, Cooperativa Gruppo 78, Giovani Democratici, Libera Trentina, Partito Autonomista Trentino Tirolese - Patt, Partito Democratico del Trentino, Primavera Trentina, Associazione Rosa Bianca, Socialisti del Trentino, Unione degli Universitari di Trento, Unione per il Trentino - Upt, Verdi del Trentino. Tra loro, tanti anche i cittadini che hanno voluto prendervi parte, prima ascoltando le parole di alcuni rappresentanti, poi unendosi in coro sulle note dell'inno di Mameli e di Bella Ciao con l'accompagnamento musicale di quattro giovani del conservatorio.

 

"Venendo qui, qualcuno mi ha chiesto se stessimo andando a protestare – ha sottolineato il Presidente Ugo Rossi -. No! Siamo qui semplicemente per dire in maniera forte e netta che sulla Costituzione non si scherza e che non si possono nemmeno usare parole come quelle che sono state usate. Prima di tutto per una questione di rispetto, ma anche perché queste parole alimentano un clima che fa male a tutti, anche a coloro che magari le hanno usate. La nostra, oggi, non è una protesta. Il nostro è un segnale molto forte di un pericolo che dobbiamo assolutamente scongiurare: quello di scendere a un livello del dibattito politico che ci porterebbe a conseguenze irreparabili".

L'occasione ha dato la possibilità di parlare dell'importanza dell'autonomia. "Poi – ho continuato Rossi - c'è un'altra questione, che riguarda il fatto che siamo in Trentino e che siamo una provincia autonoma. L'autonomia preesisteva alla nostra Repubblica, ma la nostra Repubblica fin dal suo nascere ha saputo riconoscere quest'anelito di autonomia e l'ha valorizzato e sviluppato. Ricordiamoci bene che oggi siamo qui anche a difendere e a dire con forza che la nostra autonomia speciale sta dentro la Costituzione e che quindi noi siamo vicini a coloro che vogliono difendere questa Costituzione, il Presidente Mattarella per primo".

 

La manifestazione è stata anche un'opportunità per fare chiarezza sul fondamentale ruolo dell'Europa. "Dobbiamo difendere – ha detto Giuliano Muzio, segretario provinciale del Pd - un’idea di Europa che ci ha garantito e ci garantisce un secolo di pace, prosperità e coesione e ci dà un senso di comunità che non può svanire". Per la Cgil ci vuole un ritorno ai temi reali come il lavoro e l'economia, scomparsi dal discorso politico a favore di diverse argomentazioni. "Abbiamo bisogno di maggiori garanzie e maggiori tutele sociali, soprattutto abbiamo bisogno di lavoro ".

 

 

 

 

C'è bisogno di attivismo, c'è voglia di partecipazione. E la piazza ha risposto presente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 14:56

Se su scala nazionale il Partito democratico è passato dal 18,78% delle nazionali di un anno fa al 22,6% delle europee i voti assoluti sono diminuiti di centomila unità. Ma uno zoccolo duro resiste nonostante l'assenza di Zingaretti in campagna elettorale e la mancanza di una proposta politica nuova. In Trentino la situazione sembra più positiva anche se il 25% preso su scala provinciale non è troppo diverso dal voto delle provinciali

27 maggio - 12:48

Martina Loss: ''Porterò a Roma l'autonomia'', Sutto ringrazia la coalizione. Savoi: ''Ora lavoriamo per prenderci anche i comuni''

27 maggio - 12:12

Il Partito autonomista non ha espresso una sua preferenza per le elezioni suppletive e alla fine sono state 13.000 le schede bianche sui due collegi (un dato spropositato visto che un anno fa erano state 2.400). Giulia Merlo ha perso con Martina Loss per 5.000 voti e 9.000 sono andate ''perse''. Crollo del 10% dell'M5S

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato