Contenuto sponsorizzato

La Befana arriva negli ospedali di Trento e Rovereto. Sorrisi, stupore e tanti regali per bambini di pediatria

L'iniziativa organizzata da Faib Confesercenti grazie alla colletta che nei mesi scorsi ha coinvolto soci e simpatizzanti, nonché i clienti che si sono fermati ai distributori per fare rifornimento

Pubblicato il - 06 gennaio 2018 - 12:19

TRENTO. Stupore ma anche tanti sorrisi e regali quest'oggi nei reparti di pediatria degli ospedali di Trento e Rovereto dove è arrivata la Befana del Gestore, organizzata da Faib-Confesercenti (Federazione Autonoma Italiana Benzinai).

Come da tradizione la befana con tanto di scopa e cappello appuntito, assieme ad una delegazione capitanata dal vicepresidente Giuliano Scandolari, è stata accompagnata a far visita ai piccoli malati donando loro regali e pensierini raccolti grazie alla colletta che nei mesi scorsi ha coinvolto soci e simpatizzanti Faib, nonché i clienti che si sono fermati ai distributori per fare rifornimento. A contribuire all’iniziativa anche gli ambulanti aderenti ad Anva-Confesercenti e la Presidenza della Provincia.

Una splendida Befana, ovvero Emma Scandolari, 19 anni, nipote di Giuliano, con tanta dolcezza ha strappato sorrisi ai piccoli ricoverati. Tanti i bambini dai 5 mesi ai 13 anni accolti in questi giorni nei reparti pediatrici a causa dell’epidemia di influenza che sta colpendo anche il Trentino.

“E’ una gioia poter condividere un atto di solidarietà nei confronti di bambini che invece di giocare oggi si trovano in difficoltà – dice  Emma – è un messaggio di speranza che vogliamo dare anche ai genitori preoccupati per la salute dei propri figli. Quest’anno per la prima volta impersono la Befana, perché Ilaria Scandolari aspetta un bambino e non ha potuto partecipare. E’ stata un’esperienza bellissima ricevere, in cambio di qualche dono, sorrisi così pieni di felicità”.

 

Carlo Pallanch, già presidente di Faib, ricorda che l’iniziativa ha raggiunto le tre decadi: “E’ un'idea nata 30 anni fa quando mi trovai a trascorrere le festività natalizie in pediatria, in un ospedale milanese. Con Faib decidemmo di distogliere per un istante il pensiero dal dolore della malattia dei piccoli e dei loro genitori. Da allora ogni anno ci attiviamo per organizzare questa iniziativa”.

“E' un importante appuntamento che ci vede impegnati a portare un po' di gioia e sostegno  e che negli anni ha ricevuto ampi consensi - aggiunge il presidente di Faib Federico Corsi - . Un'iniziativa che coinvolge tutti i gestori della provincia di Trento e che vuole dare un segnale forte di solidarietà”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato