Contenuto sponsorizzato

La mela più famosa del Trentino? La più costosa la trovi a Trento. Nel resto d'Italia la paghi anche un euro in meno al chilo

"Imbeccati" da una signora di vicenza rimasta allibita per il costo delle Golden Delicius trentine a Trento (che costano anche un euro in più al chilo che a casa sua) abbiamo provato a telefonare alle Coop di varie città italiane e le sorprese sono state molte

Di Cinzia Patruno - 05 febbraio 2018 - 06:02

TRENTO. Lunga vita al chilometro zerosostenibilità prima di tutto, evviva i prodotti della nostra terra e poi vai a scoprire che la mela più famosa che c'è, prodotta in Trentino, finisci per pagarla di più proprio a "chilometro zero", qui in provincia, che se la compri a Roma o a Padova o nel vicino Veneto o in Calabria. A dirla tutta pare proprio che i prezzi più alti li applichino a noi trentini forse perché sul territorio se si parla di mele si punta sulle "nostre" mentre nel resto d'Italia la competizione è più reale e c'è meno affezione.

 

Sta di fatto che dopo la segnalazione di una amica vicentina abbiamo provato a fare una serie di confronti telefonando nei supermercati della catena Coop di varie città e la sorpresa è stata tanta. "Mi trovavo a Trento e ho acquistato delle mele Golden Delicious della vostra marca più famosa. Tornata a casa, ho confrontato il prezzo al chilo e sono rimasta sorpresa che costassero di più dove venivano prodotte che qui in Veneto". Questa la segnalazione che ci è arrivata da una signora vicentina e da lì siamo partiti grazie anche alla foto (qui sotto) che mostrava quanto costassero a casa sua.

 

 

La signora, abituata a pagare le mele "trentine" a un prezzo di 1,90 euro al chilogrammo è rimasta colpita negativamente quando arrivata a Trento si è trovata in un negozio del centro (all'Eurospar di via Manci)  e le ha pagate quasi 3 euro (2,95 euro al chilogrammo): esattamente un euro in più di quanto le paga lei normalmente. Abbiamo quindi verificato nella Coop di piazza Lodron, e lì le Golden Delicious vengono 2, 35 euro al chilo (un po' meno ma comunque di più che dove si serve la signora).

 

 

Abbiamo, quindi, allargato l'analisi: alla Coop di Padova di viale della Pace le Golden della "mela più famosa del Trentino" vengono vendute in sacchetti da 2 chilogrammi al prezzo di 2,74 euro (per un prezzo al chilo di 1,37 euro). Paradossalmente, 2 chili di mele a Padova costano meno che di un chilo delle stesse mele in centro a Trento, nella regione di provenienza.

 

E il confronto è proseguito da Nord a Sud, cercando di mantenere l'uniformità rivolgendoci ai punti vendita Coop o Ipercoop. Seppure a volte la differenza sia di qualche centesimo, i prezzi in tutta Italia sono sempre minori rispetto al Trentino.

 

All'Ipercoop di via Andrea Costa a Bologna le Melinda Golden vengono 2, 34 euro al chilo. Se scendiamo a Roma il prezzo si abbassa ancora: siamo a 2,10 euro al chilo alla Coop di via Carlo Santarelli, poco fuori le mura. Scendiamo ancora e raggiungiamo Vibo Valentia. Per raggiungere la Calabria, le mele trentine devono affrontare un viaggio di oltre 1.000 chilometri, per arrivare a costare 2,29 euro nel formato vassoio da quattro frutti (che pesano poco meno di un chilo).

 

Che sia un paradosso, non c'è ombra di dubbio. A maggior ragione dal momento in cui si cerca di puntare sulla provenienza a chilometro 0 dei prodotti, per ridimensionare l'impatto ambientale causato dal trasporto.

 

Il consumatore trentino, spinto anche da un moto d'orgoglio verso questa mela famosa in tutta Italia, la acquista e la gusta volentieri, spesso inconsapevole che, a pochi chilometri di distanza, costi meno e talvolta non di poco. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato