Contenuto sponsorizzato

La mela più famosa del Trentino? La più costosa la trovi a Trento. Nel resto d'Italia la paghi anche un euro in meno al chilo

"Imbeccati" da una signora di vicenza rimasta allibita per il costo delle Golden Delicius trentine a Trento (che costano anche un euro in più al chilo che a casa sua) abbiamo provato a telefonare alle Coop di varie città italiane e le sorprese sono state molte

Di Cinzia Patruno - 05 febbraio 2018 - 06:02

TRENTO. Lunga vita al chilometro zerosostenibilità prima di tutto, evviva i prodotti della nostra terra e poi vai a scoprire che la mela più famosa che c'è, prodotta in Trentino, finisci per pagarla di più proprio a "chilometro zero", qui in provincia, che se la compri a Roma o a Padova o nel vicino Veneto o in Calabria. A dirla tutta pare proprio che i prezzi più alti li applichino a noi trentini forse perché sul territorio se si parla di mele si punta sulle "nostre" mentre nel resto d'Italia la competizione è più reale e c'è meno affezione.

 

Sta di fatto che dopo la segnalazione di una amica vicentina abbiamo provato a fare una serie di confronti telefonando nei supermercati della catena Coop di varie città e la sorpresa è stata tanta. "Mi trovavo a Trento e ho acquistato delle mele Golden Delicious della vostra marca più famosa. Tornata a casa, ho confrontato il prezzo al chilo e sono rimasta sorpresa che costassero di più dove venivano prodotte che qui in Veneto". Questa la segnalazione che ci è arrivata da una signora vicentina e da lì siamo partiti grazie anche alla foto (qui sotto) che mostrava quanto costassero a casa sua.

 

 

La signora, abituata a pagare le mele "trentine" a un prezzo di 1,90 euro al chilogrammo è rimasta colpita negativamente quando arrivata a Trento si è trovata in un negozio del centro (all'Eurospar di via Manci)  e le ha pagate quasi 3 euro (2,95 euro al chilogrammo): esattamente un euro in più di quanto le paga lei normalmente. Abbiamo quindi verificato nella Coop di piazza Lodron, e lì le Golden Delicious vengono 2, 35 euro al chilo (un po' meno ma comunque di più che dove si serve la signora).

 

 

Abbiamo, quindi, allargato l'analisi: alla Coop di Padova di viale della Pace le Golden della "mela più famosa del Trentino" vengono vendute in sacchetti da 2 chilogrammi al prezzo di 2,74 euro (per un prezzo al chilo di 1,37 euro). Paradossalmente, 2 chili di mele a Padova costano meno che di un chilo delle stesse mele in centro a Trento, nella regione di provenienza.

 

E il confronto è proseguito da Nord a Sud, cercando di mantenere l'uniformità rivolgendoci ai punti vendita Coop o Ipercoop. Seppure a volte la differenza sia di qualche centesimo, i prezzi in tutta Italia sono sempre minori rispetto al Trentino.

 

All'Ipercoop di via Andrea Costa a Bologna le Melinda Golden vengono 2, 34 euro al chilo. Se scendiamo a Roma il prezzo si abbassa ancora: siamo a 2,10 euro al chilo alla Coop di via Carlo Santarelli, poco fuori le mura. Scendiamo ancora e raggiungiamo Vibo Valentia. Per raggiungere la Calabria, le mele trentine devono affrontare un viaggio di oltre 1.000 chilometri, per arrivare a costare 2,29 euro nel formato vassoio da quattro frutti (che pesano poco meno di un chilo).

 

Che sia un paradosso, non c'è ombra di dubbio. A maggior ragione dal momento in cui si cerca di puntare sulla provenienza a chilometro 0 dei prodotti, per ridimensionare l'impatto ambientale causato dal trasporto.

 

Il consumatore trentino, spinto anche da un moto d'orgoglio verso questa mela famosa in tutta Italia, la acquista e la gusta volentieri, spesso inconsapevole che, a pochi chilometri di distanza, costi meno e talvolta non di poco. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 16:21

L'ok arriva dopo l'esame in camera di consiglio dei due ricorsi del presidente del consiglio contro Trentino e Alto Adige. La Consulta ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale. Rossi: "E adesso vengano elaborati i piani di gestione come abbiamo chiesto a inizio anno, anche se Zanotelli dice che non servono"

16 luglio - 14:17

Una fototrappola è scattata questa mattina e alle 9.29 ha immortalato l'orso tra i boschi della Marzola. E' già presente il personale forestale, attivato immediatamente dopo l'evento per assicurare monitoraggio, presidio territoriale e informazione

16 luglio - 10:47

Sono già 40 i casi di femminicidio avvenuti nei primi sei mesi dell’anno, un numero che non accenna a calare e perfettamente in linea con gli anni scorsi, dopo l’ennesimo caso interviene anche la senatrice trentina Conzatti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato