Contenuto sponsorizzato

La obbligava a visite ginecologiche per verificare la verginità, sottoponeva la figlia a una disciplina ferrea. Padre condannato a 3 anni

I fatti successi quando la ragazza era un'adolescente: niente amici, niente cellulare, soltanto casa e scuola. Sospesa la responsabilità genitoriale, dovrà risarcire anche il danno subito dalla figlia

Pubblicato il - 11 marzo 2018 - 10:41

TRENTO. Non poteva truccarsi, tenere i capelli sciolti, non poteva avere amici maschi, soprattutto se stranieri. Non poteva uscire di casa: solo a scuola, e l'accompagnava il padre. E il padre la portava con sé al lavoro fino a tarda notte per non lasciarla da sola. Niente cellulare, nemmeno gli occhiali da sole.

 

Ma non solo, la disciplina che questo padre imponeva su sua figlia è arrivata al punto di effettuare ispezioni, anche le più intime: per verificare la verginità aveva sottoposto la figlia a una visita ginecologica, per accertarsi che non consumasse droga l'aveva obbligata all'esame delle urine.

 

Se no obbediva, la figlia adolescente veniva picchiata. E sono molti gli episodi raccontati durante il processo, anche la minaccia di tagliarle i capelli se avesse passato troppo tempo da sola in bagno per lavarli e asciugarli.

 

Questo uomo è stato condannato ieri a 3 anni di reclusione. Il giudice Giuseppe Serao  ha così aumentato di un anno le stesse richieste dell'accusa che aveva chiamato il 60enne a rispondere del reato di maltrattamenti. Dovrà pagare 10 mila euro alla figlia che si è costituita parte civile con l'avvocata Chiara Pontalti.

 

I fatti si riferiscono all'arco temporale che va dal 2013 al 2015, quando la ragazza era un'adolescente di 14-16 anni. Le sue confidenze sulla situazione erano state raccolte dalla sua insegnante, e dopo le segnalazioni il Tribunale dei Minori decise di togliere al padre la responsabilità genitoriale. Ieri il processo e la condanna

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 20:14

Ecco il quadro odierno del contagio in Trentino. Due i decessi avvenuti in provincia con Covid: si tratta di un uomo e una donna

03 marzo - 19:30

Protagonista di un incidente che sarebbe potuto finire in tragedia, già nel pomeriggio di mercoledì 3 marzo "l'uomo con il carrello" è stato visto a Pergine, città che, nonostante le denunce e gli interventi delle autorità, pare "tenere in scacco". Il sindaco Oss Emer: "Abbiamo provato di tutto. Ci deve essere un buco normativo"

03 marzo - 18:42

Il presidente ha confermato l'intenzione di proseguire con le lezioni in presenza. Ferro ha raccomandato di arieggiare gli spazi chiusi e mantenere le distanze sociali: ''Non ci rendiamo conto di quanto sia stressato il nostro sistema sanitario per questo aumento dei ricoveri che temo per i prossimi 10 giorni non potranno che aumentare''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato