Contenuto sponsorizzato

Abusi sessuali e maltrattamenti sui figli, condannato il padre a 7 anni e 4 mesi di carcere

Una storia triste e dolorosa quello avvenuta nel basso Trentino. Vittime un ragazzo e una ragazza. Quest'ultima anche abusata sessualmente dal padre. L'uomo condannato nelle sentenza di primo grado 

Pubblicato il - 14 settembre 2018 - 08:47

ROVERETO. Anni di violenze nei confronti del figlio e della figlia. Quest'ultima è stata anche abusata sessualmente. E' una vicenda triste e dolorosa quella che ieri ha visto la condanna di un uomo del basso Trentino. Risale a diversi anni fa e le vittime sono i figli, a quel tempo con un'età inferiore di 10 anni, che sono riusciti poi a raccontare quello che sono stati costretti a subire.

 

Il padre, l'uomo che ieri ha ricevuto una condanna in primo grado di 7 anni e 4 mesi, picchiava di frequente i due figli in ogni modo. Un comportamento aggressivo che era proseguito anche dopo la separazione dalla moglie. Sberle e pugni da ogni parte ma non solo. La ragazza, che al tempo dei fatti aveva circa 10 anni, sarebbe stata vittima anche di un abuso sessuale da parte del padre. Ed è stata proprio lei che dopo alcuni anni dai fatti, a seguito di alcune crisi, ha iniziato a parlare di quel periodo, di quello che lei e suo fratello più piccolo sono stati costretti a subire.

 

Dalle parole della ragazza si è riusciti a ricostruire tutta la vicenda. Ieri è arrivata la sentenza di primo grado. Per l'uomo è stata data una pena di 7 anni e 4 mesi con la sospensione della potestà genitoriale e l'interdizione da tutti gli uffici che portino al contatto con minori.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 13:20

Sorprendono positivamente i rilevamenti nelle acque venete con un solo punto inquinato. Male la Lombardia, su cinque punti monitorati due sono risultati fortemente inquinati. Promossi invece a pieni voti il lago d’Iseo e quello di Santa Croce in provincia di Belluno

16 luglio - 06:01

Ormai il caso è noto. E' un'escalation di reazioni dopo che M49 è stato catturato, ma è riuscito a fuggire. Brambilla: "Corri e salvati M49 e grazie per aver dimostrato con la tua fuga, una volta di più, l’imperizia e il dilettantismo di chi ha dichiarato guerra a te, ma anche a tutti i tuoi simili". Ciampolillo: "Un atto violento e illegittimo contro il mondo degli animali"

16 luglio - 08:50

La padrona si è vista entrare in casa il povero gatto dolorante. Il veterinario nel referto ha certificato che il ferimento dell’animale è stato causato da un colpo sparato presumibilmente da una carabina. La perquisizione domiciliare ha permesso di ritrovare l'arma 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato