Contenuto sponsorizzato

Maltempo, moratoria sui mutui e un prestito sostegno per chi ha avuto danni

E' un pacchetto di misure messo in campo per i clienti Unicredit per far fronte ai danni causati dal maltempo 

Pubblicato il - 03 novembre 2018 - 09:18

TRENTO. Una moratoria sui mutui e un “prestito sostegno”, queste le due principali iniziative messe in campo da Unicredit per le popolazioni che sono state duramente colpite dal maltempo.

 

Il pacchetto di misure straordinarie verrà attivato in diversi comuni del Trentino Alto Adige e di altre regioni come Liguria, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Lazio e Sicilia.

Tra le iniziative predisposte, UniCredit metterà a disposizione, come già detto, a partire dalla prossima settimana, una moratoria di 12 mesi sulle rate dei mutui ipotecari e chirografari per le imprese con sede legale/operativa nelle zone colpite dal maltempo e che abbiano subito danni e per tutti i clienti privati intestatari di mutui ipotecari residenti in uno dei comuni interessati che siano stati danneggiati dall’evento.
 

Come seconda operazione, per far fronte alle prime e più urgenti necessità, metterà a disposizione un “Prestito sostegno” con tasso agevolato per i clienti privati residenti nei comuni colpiti dall’alluvione che abbiano subito danni e una linea di finanziamenti a condizioni agevolate in favore di clienti imprese colpite dal maltempo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato