Contenuto sponsorizzato

Agordino, al via una raccolta fondi per far ripartire le Dolomiti bellunesi

Nel frattempo il governatore Luca Zaia scrive al premier Giuseppe Conte per chiedere la sospensione di tasse, mutui e bollette nelle aree colpite dal maltempo

Di Luca Andreazza - 02 November 2018 - 12:14

TRENTO. "Rialzati Agordino!", questo il motto della raccolta fondi per aiutare una zona particolarmente martoriata da pioggia e vento di questi giorni (Qui link). Prima l'ingente incendio (Qui articolo) e poi l'eccezionale ondata di maltempo: sono devastanti i danni ambientali e idrogeologici sulle Dolomiti bellunesi. Come in Trentino intere aree boschive sono rase al suolo e si sono trascinate i cavi della corrente elettrica.

 

Il maltempo ha letteralmente spazzato via la natura dell'Agordino: forte vento, straripamento di torrenti e laghi, case scoperchiate e inondate, strade interrotte e paesi irraggiungibili. Nel bellunese la stima dei danni si aggira intorno al miliardo, ma è ancora presto per una valutazione (Qui articolo).

 

La pioggia scende ancora nel bellunese e l'emergenza continua, mentre il governatore Luca Zaia ha scritto al premier Giuseppe Conte per chiedere la sospensione di tasse, mutui e bollette nelle aree colpite,. 

Nel frattempo Valentina Conte, titolare di Dolom-Eat, azienda che organizza eventi enogastronomici, ha lanciato mercoledì 31 ottobre una raccolta fondi per aiutare e sostenere l'Agordino. I soldi verranno poi consegnati direttamente al sindaco di Rocca Pietore, Andrea De Bernardin.

 

La piattaforma è quella di GoFundMe.com e in questi giorni sono stati raccolti circa 3 mila euro, ma l'obiettivo è quello di raggiungere almeno 100 mila euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 February - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 February - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

28 February - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato