Contenuto sponsorizzato

Agordino, al via una raccolta fondi per far ripartire le Dolomiti bellunesi

Nel frattempo il governatore Luca Zaia scrive al premier Giuseppe Conte per chiedere la sospensione di tasse, mutui e bollette nelle aree colpite dal maltempo

Di Luca Andreazza - 02 novembre 2018 - 12:14

TRENTO. "Rialzati Agordino!", questo il motto della raccolta fondi per aiutare una zona particolarmente martoriata da pioggia e vento di questi giorni (Qui link). Prima l'ingente incendio (Qui articolo) e poi l'eccezionale ondata di maltempo: sono devastanti i danni ambientali e idrogeologici sulle Dolomiti bellunesi. Come in Trentino intere aree boschive sono rase al suolo e si sono trascinate i cavi della corrente elettrica.

 

Il maltempo ha letteralmente spazzato via la natura dell'Agordino: forte vento, straripamento di torrenti e laghi, case scoperchiate e inondate, strade interrotte e paesi irraggiungibili. Nel bellunese la stima dei danni si aggira intorno al miliardo, ma è ancora presto per una valutazione (Qui articolo).

 

La pioggia scende ancora nel bellunese e l'emergenza continua, mentre il governatore Luca Zaia ha scritto al premier Giuseppe Conte per chiedere la sospensione di tasse, mutui e bollette nelle aree colpite,. 

Nel frattempo Valentina Conte, titolare di Dolom-Eat, azienda che organizza eventi enogastronomici, ha lanciato mercoledì 31 ottobre una raccolta fondi per aiutare e sostenere l'Agordino. I soldi verranno poi consegnati direttamente al sindaco di Rocca Pietore, Andrea De Bernardin.

 

La piattaforma è quella di GoFundMe.com e in questi giorni sono stati raccolti circa 3 mila euro, ma l'obiettivo è quello di raggiungere almeno 100 mila euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 maggio - 06:01

Si riaccende lo scontro sulla nomina di Divina a presidente del Centro Santa Chiara, Ghezzi: “L'assessore conferma la sua straordinaria faccia tosta, anziché prendere le distanze tira in ballo l’articolo 21 per difendere una figura vicina al suo partito”. E sulla nomina rincara la dose: “Pur di piazzare un uomo di fiducia sono state forzate le leggi”

28 maggio - 23:41

L'episodio sarebbe avvenuto nella giornata di mercoledì 27 maggio e in agenda c'era un incontro per discutere sulla disponibilità delle piazze per alcuni eventi. Il dj roveretano vorrebbe organizzare i Mercatini di autunno e Natale tra piazza Fiera e piazza Battisti a Trento, ma gli spazi non sarebbero stati concessi

28 maggio - 18:31

L'episodio è stato ripreso e il visto postato sui social. Ora è intervenuto il coordinamento ambientalista trentino formato da Enpa, Lav, Lac, Lipu, Pan-Eppaa e Wwf

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato