Contenuto sponsorizzato

Maltempo, numero solidale anche per il Trentino. E' servita la richiesta esplicita di Fugatti

Lo specifica la stessa protezione civile nel suo comunicato. Il numero veniva attivato per Liguria, Veneto e Friuli Venezia Giulia ed è servita una richiesta per inserire anche il Trentino. Intanto Salvini annuncia che verrà a visitare i luoghi del disastro: ''Sarò in Veneto, nelle province di Venezia e Belluno e nel pomeriggio a Terracina e nel Lazio''

Pubblicato il - 03 novembre 2018 - 18:56

TRENTO. "Un aiuto alle popolazioni di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria colpite dal maltempo". E dopo un giorno intero si aggiungono alla lista anche le popolazioni del Trentino. Ieri, infatti, il sito del ministero dell'Interno guidato da Salvini aveva dimenticato il nostro territorio che, come gli altri, è stato flagellato dall'ondata di pioggia e vento, con tanti danne e due persone morte. 

 

Dopo la protesta, che si è alzata giustamente creando un tam tam sui social spinta anche dall'articolo de ildolomiti.it, il ministero e la protezione civile sono corsi ai ripari e hanno chiarito che il il numero per la solidarietà, il 45500, sarà attivo anche per noi. Il comunicato (ne è servito uno apposito perché, come avevamo scritto, prima non eravamo ricompresi) specifica che l'inserimento del Trentino è avvenuto "a seguito della richiesta del Presidente della Provincia Autonoma di Trento".

 

Insomma, se Fugatti non chiamava, al ministero dell'Interno nemmeno lo inserivano il Trentino. Comunque sia "dal 4 novembre e fino al 3 dicembre sarà possibile donare attraverso il numero solidale 45500 anche a sostegno delle popolazioni della Provincia Autonoma di Trento oltre che per quelle delle regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Liguria che avevano formalizzato la richiesta già nella giornata di ieri". 

 

Il Trentino sembra essere stato un po' dimenticato. Nei giorni scorsi molti hanno notato che Di Maio non ha mai twittato sul maltempo, come se in Italia non stesse succedendo niente. E del governo non si è visto nessuno in Valsugana, in Val di Non, in Val di Fiemme e Fassa e nelle zone colpite e danneggiate. Salvini ha passato in Trentino tanti giorni in campagna elettorale, ora nemmeno la visita di un sottosegretario.

 

Ed è notizia di queste ore che il ministro dell'Intero sarà domani a Belluno. "Ho cambiato la mia agenda d'urgenza, domani sarò in Veneto, nelle province di Venezia e Belluno, insieme al governatore Zaia. Nel pomeriggio mi sposterò a Terracina, nel Lazio - scrive Salvini - devastata dalla tromba d'aria di lunedì scorso".

 

"Nel centenario della fine della Prima Guerra Mondiale - scrive il ministro -  abbiamo il dovere di omaggiare chi ha combattuto e perso la vita per difendere i confini e la Patria, ma anche quello di rispondere velocemente alle richieste d'aiuto di quegli italiani che in questi giorni e in queste ore stano soffrendo e hanno perso affetti, casa e lavoro".

 

"Che il maltempo abbia colpito duramente anche il Trentino a Roma lo sanno bene - scrive invece Maurizio Fugatti per smorzare la polemica - ne è la prova che ieri a Trento c'era il capo della protezione civile nazionale che ha voluto verificare di persona la situazione sui nostri versanti nel suo giro di perlustrazione del Nord Italia flagellato dal maltempo".

 

"Lo stesso Borrelli - aggiunge Fugatti - mi ha confermato l'intenzione di inserire anche il Trentino nella campagna Sms solidali che sta sensibilizzando l'opinione pubblica nazionale a favore delle popolazioni colpite dalla calamità naturale dei giorni scorsi. Cosa che poi è avvenuta nel corso del pomeriggio". Certo i dubbi restano anche rispetto alle modalità con la quale è stata gestita la faccenda. Sembra quasi che ci sia stato fatto un piacere perché abbiamo fatto domanda, ma fino a prova contraria anche il nostro territorio fa parte del Paese. L'Alto Adige, al momento, resta escluso. Forse loro non hanno detto ''per favore?''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

13 novembre - 15:18
L'allerta è scattata intorno alle 13, quando un boato è stato avvertito in zona. Immediato l'intervento dei vigili del fuoco di Civezzano e dei permanenti di Trento. I pompieri hanno messo in sicurezza l'area, quindi hanno avviato le verifiche e la rimozione dei detriti.
13 novembre - 13:17

Il terribile incidente è avvenuto a Borso del Grappa. L'uomo, Dario Gasparin, stava caricando il suo mezzo per poi andare a vendere formaggi e prodotti alimentari 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato