Contenuto sponsorizzato

Mentre era ai domiciliari faceva anche minacciare chi non pagava. Ancora guai per Benjamin Cardenas

Le disposizioni venivano diramate dalla casa della madre dell'indagato dove era stato posto ai domiciliari dopo che a Ballino era stato trovata una vera e propria 'fabbrica' di hashish e marijuana della quale vi avevamo già riferito

Pubblicato il - 15 gennaio 2018 - 17:06

ARCO. Nonostante fosse già indagato per spaccio di sostanze stupefacenti, e nonostante fosse ai domiciliari in attesa del processo, continuava indisturbato la sua attività a tal punto da minacciare i suoi 'clienti' che non pagavano le forniture. Ebbene si è aggiunta l'aggravante delle "minacce" a chi non riusciva a pagare in tempo, alla già ampia serie di accuse che gli sono state mosse. Stiamo parlando di Benjamin Cardenas Cedeno il 37enne di origine panamense che in passato ha già avuto diversi precedenti legati alla droga.

 

Chi non riusciva a pagare veniva infatti minacciato "anche mediante l’uso di un taglierino", spiegano i militari della Stazione dei Carabinieri che hanno svolto le indagini. E se il debito non fosse stato immediatamente saldato, sarebbero state applicati dei pesanti interessi. Le disposizioni venivano diramate dalla casa della madre dell'indagato dove era stato posto ai domiciliari dopo che a Ballino era stato trovata una vera e propria 'fabbrica' di hashish e marijuana della quale vi avevamo già riferito.

 

Lì, pur con il divieto di comunicare con persone diverse da quelle conviventi, di non usare il telefono e il computer connessi alla rete per comunicare anche a mezzo di social telematici, riusciva a tenere sotto controllo i suoi traffici

 

Noncurante delle prescrizioni, e “coadiuvato” da altre due persone, faceva recapitare messaggi dal tono non certo amichevole ai destinatari che avevano debiti di droga con lui; a quel punto quindi i Carabinieri di Arco hanno chiesto alla Procura della Repubblica di Trento l’aggravamento della misura cautelare che il Gip Forlenza ha immediatamente recepito.

 

Ora è stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Contro l'imputato si è quindi aperto un nuovo procedimento penale per l’accusa di “estorsione aggravata”. E' stata quindi accolta la tesi investigativa, in virtù del concreto ed attuale pericolo che l'indagato potesse reiterare analoghe condotte o gravi delitti con l’uso di armi o altri mezzi di violenza personale.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato