Contenuto sponsorizzato

Mette nell'Icef solo una parte del reddito e percepisce indebitamente i contributi dalla Pat. Nei guai un macedone

L'operazione è stata condotta dalla guardia di finanza di Tione.  L'uomo, assieme alla moglie e ai due figli, da diversi anni vivono nelle Giudicarie

Pubblicato il - 26 luglio 2018 - 19:57

TIONE. Ha omesso di dichiarare nei modelli Icef i redditi di un componente familiare ottenendo poi contributi provinciali per oltre 2 mila euro. A finire nei guai è stato un uomo originario della Macedonia. A scoprire il tutto è stata la guardia di finanza di Tione.

 

Si tratta di una famiglia formata da quattro componenti, madre, padre e due figli che dal 2015 risiedono nelle Giudicare. Nel corso dei controlli portati avanti dalle Fiamme Gialle è stato riscontrato come il padre, nel fare i vari modelli Icef, non avesse messo all'interno il reddito di un componente per un valore totale di 8.041 euro.

 

Una mancanza che ha fatto generare delle indebite percezione di contributi erogati dalla Pat per un valore di 2.512 euro in materia di assegno regionale al nucleo familiare e reddito di garanzia. L'uomo, constata l'indebita percezione, è stata data una sanzione di 7.536 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato