Contenuto sponsorizzato

''Mi ha fatto lo sgambetto il demonio, io le davo almeno 15 anni'', don Paolo Glaentzer su quanto accaduto con la bimba di 11 anni

Il prete di origini altoatesine ha spiegato la sua posizione mostrando di avere le idee piuttosto confuse. "Ho commesso un errore, questo lo ammetto, ci penserà il signore, lui è in grado"

Pubblicato il - 29 luglio 2018 - 16:17

LUCCA. ''Mi ha fatto lo sgambetto il demonio, uno sgambetto un po' pesante, ho commesso un errore, questo lo ammetto, ci penserà il signore, lui è in grado''. Così don Paolo Glaentzer in un'intervista rilasciata al Corriere Fiorentino. Una chiacchierata mentre rientra nella sua casa di Bagni di Lucca dove dovrà scontare i domiciliari dopo essere stato arrestato in flagranza di reato, con l'accusa di violenza aggravata su una bambina di 11 anni

 

Il prete di origine altoatesina ha così lasciato Calenzano e in attesa delle indagini e del processo rimarrà nella sua abitazione dove ha provato, malamente, a raccontare quanto sarebbe accaduto: "Lascio Calenzano - spiega - dopo tanto tempo, già a novembre dell’anno scorso ho chiesto al cardinale di andare in pensione e adesso è capitata questa cosa un po’ così, all’improvviso, mi dispiace che sia successa, bisogna pregare, la fede è fondamentale, pregando si risolvono i problemi".

 

E su quanto successo quella sera con quella bambina, quando è stato scoperto da due persone nella macchina con lei? "Lunedì sera è stato uno scambio di affetto - spiega ancora al Corriere Fiorentino - questa ragazza è molto più matura dell’età che ha, è stato uno scambio di affetto. E' stato esagerato, a volte le cose vanno in una certa maniera". E poi ha spiegato che sarebbe stata la giovane a tirarsi su la maglietta di sua spontanea volontà "può darsi che in casa riceva poco affetto - aggiunge ancora -. So che i figli sono stati tolti ai genitori alcuni anni fa, io cercavo di aiutarli con quel poco che potevo".

 

Il giornalista gli ha quindi chiesto se fosse capitato altre volte e lui avrebbe risposto ''altre poche volte'' e poi la spiegazione: "C’è una simpatia reciproca con la ragazza, quando ho saputo che aveva 11 anni...io gliene davo 15. È stata una mia stupidità, mi ha fatto lo sgambetto il demonio - ha detto ancora al Corriere Fiorentino -, uno sgambetto un po’ pesante, ho commesso un errore, questo lo ammetto, ci penserà il nostro Signore...lui è in grado. L’ho già sperimentato in tante situazioni che sembravano senza via di uscita, forse questa è una delle peggiori, ma io ho piena fiducia in Gesù e Maria. Mi dispiace molto per quello che è successo''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 19:08

Si sono conosciuti in piazza a Novara. Entrambi hanno perso lavoro e casa e poi sono partiti in treno per cercare qualche città dove iniziare una nuova vita assieme. Sono arrivati a Trento da circa un mese e mezzo. Non hanno soldi ed ora con l'arrivo del freddo hanno paura di non farcela

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 19:02

La società Autostrada del Brennero, in accordo con la polizia stradale, ha approntato per la nottata in arrivo delle misure cautelative per impedire gravi turbative alla circolazione dell'asse autostradale. Tra Mezzocorona ed Egna sarà possibile circolare solo su una corsia, evitando la creazione di disagi dovuti a mezzi pesanti in panne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato