Contenuto sponsorizzato

Non era rientrato a casa, Stefano Alfarè è morto assiderato

Il corpo è stato ritrovato venerdì sul greto del torrente Mandola a Calceranica. Tra le ipotesi una caduta lungo il sentiero oppure il malore, quindi il decesso è giunto per assideramento, gli accertamenti medici stabiliranno le esatte cause

Pubblicato il - 06 gennaio 2018 - 01:45

CALCERANICA. E' stato trovato senza vita Stefano Alfarè, 46enne di Calceranica. Si era allontanato da casa giovedì scorso, mentre il corpo è stato ritrovato venerdì sul greto del torrente Mandola.

 

Non sono ancora chiare le cause della morte, tra le ipotesi ci sono quelle di una caduta lungo il sentiero oppure un malore, e quindi il decesso è sopraggiunto per assideramento.

 

Dopo l'allarme, i vigili del fuoco volontari si erano messi alla ricerca dell'uomo fino al ritrovamento del corpo alla periferia del paese. Sul posto è giunto il personale sanitario che, purtroppo, non ha potuto far altro che constatare il decesso.

 

Non sono ancora chiare le dinamiche dell'accaduto e i carabinieri stanno ricostruendo le ultime ore di vita di Alfarè, che lascia due fratelli e la madre, mentre gli accertamenti medici stabiliranno l'esatta causa della morte.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato