Contenuto sponsorizzato

Offende su Facebook la polizia locale. Dopo la condanna in primo grado arriva l'assoluzione

L'uomo a commento di una notizia apparsa sul social aveva commentato scrivendo: "I vigili vanno bruciati...". In primo grado era stato condannato a pagare 2500 euro per diffamazione

Pubblicato il - 25 agosto 2018 - 08:52

TRENTO. Aveva scritto su facebook a commento di un post “i vigili vanno bruciati vivi con la benzina...” e dopo una prima condanna a pagare 2500 euro di risarcimento al Comune per diffamazione, l'uomo in appello è stato assolto.

 

La vicenda risale a qualche anno fa ma è di questi giorni l'assoluzione in appello perché il fatto non sussiste.

 

L'uomo, come già detto, aveva postato con il proprio account di facebook un commento di insulto ai vigili. Il Comune si era costituito parte civile e nella sentenza di primo grado era riuscito a ottenere un risarcimento.L'autore del  commento ha però fatto ricorso. Per i giudici della Corte d'Appello siamo certamente davanti da una espressione rozza ma rientrerebbe nella libertà di pensiero e di critica rivolta ad una intera categoria e non specifica. Il commento non va quindi interpretato come intento diffamatorio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 13:07

Quando aveva 12 anni Ibrahim Songne è arrivato dal Burkina Faso a Trento. Qui ha studiato all'Enaip e dopo aver lavorato in un panificio-pasticceria ha deciso di realizzare il suo sogno di aprire un proprio locale. Nel 2018 in via Cavour a Trento apre "Ibris''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato