Contenuto sponsorizzato

Offende su Facebook la polizia locale. Dopo la condanna in primo grado arriva l'assoluzione

L'uomo a commento di una notizia apparsa sul social aveva commentato scrivendo: "I vigili vanno bruciati...". In primo grado era stato condannato a pagare 2500 euro per diffamazione

Pubblicato il - 25 agosto 2018 - 08:52

TRENTO. Aveva scritto su facebook a commento di un post “i vigili vanno bruciati vivi con la benzina...” e dopo una prima condanna a pagare 2500 euro di risarcimento al Comune per diffamazione, l'uomo in appello è stato assolto.

 

La vicenda risale a qualche anno fa ma è di questi giorni l'assoluzione in appello perché il fatto non sussiste.

 

L'uomo, come già detto, aveva postato con il proprio account di facebook un commento di insulto ai vigili. Il Comune si era costituito parte civile e nella sentenza di primo grado era riuscito a ottenere un risarcimento.L'autore del  commento ha però fatto ricorso. Per i giudici della Corte d'Appello siamo certamente davanti da una espressione rozza ma rientrerebbe nella libertà di pensiero e di critica rivolta ad una intera categoria e non specifica. Il commento non va quindi interpretato come intento diffamatorio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 19:13

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 14 decessi di cui 9 in ospedale

18 gennaio - 17:39

Le Stelle alpine prendono in considerazione l'ultima analisi di Bassi, il quale ha esaminato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss. La lettera del segretario politico del Patt: "Il governo della Provincia è in qualche modo responsabile del ritardo nella comunicazione dei dati a Roma? E se così non fosse cosa intende fare, presidente Fugatti, per correre ai ripari e ripristinare la verità?"

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato