Contenuto sponsorizzato

Paura a Pieve di Bono, resta a terra dopo uno scontro di gioco

E' successo nel corso del secondo tempo. Il centrocampista è stato trasportato all'ospedale di Tione per gli accertamenti, ma le condizioni non preoccupano

Pubblicato il - 18 febbraio 2018 - 21:10

PINZOLO. Tanta paura a Pieve di Bono questo pomeriggio nel corso della sfida tra Pinzolo Valrendena e Calisio per il campionato Prima Categoria.

 

Il Pinzolo è in vantaggio per 1-0, quando dopo un quarto d'ora secondo tempo si verifica uno scontro di gioco tra un difensore e Alessandro Pignatelli dei grigiorossi. E' quest'ultimo ad aver la peggio: il centrocampista è rimasto, infatti, a terra incosciente in un primo momento. 

 

Immediato l'allarme e sul posto è arrivata subito l'ambulanza in quanto l'elicottero attivato non è riuscito ad atterrare a causa della nebbia. Nel frattempo Pignatelli ha fortunatamente ripreso conoscenza, mentre i sanitari hanno prestato le cure prima del trasporto all'ospedale di Tione per gli accertamenti del caso. Le condizioni del giovane sono buone e si dovrebbero escludere complicazioni.

 

La gara è ripresa quindi regolarmente e il match è terminato sul risultato di 2-2.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato