Contenuto sponsorizzato

Precipita dalla ferrata sull'Ortles, muore ricercatore trentino. Domani a Budapest avrebbe ricevuto il Doctor Europaeus

Studioso di Eit Digital Italy, è caduto per 500 metri nella zona di Solda in Alta Val Venosta. La tragedia è avvenuta domenica 

Pubblicato il - 02 ottobre 2018 - 09:15

TRENTO. Andrey Bogomolov, 40 anni, è morto domenica precipitando da una ferrata sull'Ortles. Ricercatore dell'Università di Trento, studioso di Eit Digital, aveva frequentato il dipartimento di informatica e per un periodo si era trasferito in America per proseguire i propri studi.

 

Andrey è caduto per 500 metri nella zona di Solda in Alta Val Venosta. Da quanto si è appreso, non era legato al cavo d'acciaio e stava percorrendo la via ferrata tra il rifugio Tabaretta e il rifugio Payer, mentre stava per raggiungere la vetta dell'Ortles. Ad un tratto la tragedia. Il 40enne è scivolato precipitando poi per diversi metri. Una caduta fatale.

 

Il giovane, che da poco aveva terminato il proprio dottorato, stava ora sviluppando degli studi su tecniche di visione artificiale. Proprio domani si sarebbe dovuto recare a Budapest alla cerimonia nella quale gli sarebbe stato consegnato il Doctor Europaeus. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 13:10

Dopo quanto accaduto a Ischgl tra febbraio e marzo il cancelliere austriaco ha annunciato una serie di misure che si applicheranno questa stagione sulle piste. Mascherine in funivia, distanza di un metro gruppi di massimo 10 persone per le scuole di sci

24 settembre - 10:46

Era stato ricoverato al Negrar. Sono sopraggiunte delle complicanze a seguito della caduta e così è deceduto. Nell'incidente si era ferita anche la figlia di 40 anni

24 settembre - 11:50

Al ballottaggio ci sono l'ex sindaco e l'imprenditore Zanin. Decisivo diventa quel 13% che è stato preso dal candidato dell'Svp che, per ovvi motivi, non può imparentarsi con ultra nazionalisti e figure vicine all'ultra destra. Intanto i nostalgici di Casapound salutano il consiglio: '' Siamo i fantasmi di una guerra che non abbiamo fatto, ma siamo i guerrieri di una pace durata troppo a lungo. Ancora qui ci ritroverete tra mille anni e mille anni ancora''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato