Contenuto sponsorizzato

Prese a pugni i controllori dell'autobus, condannato a 6 mesi di reclusione

I carabinieri riuscirono a bloccarlo e successivamente gli fu contestati, oltre alla multa, i reati di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Al processo, che si è celebrato ieri dopo meno di un anno dai fatti, la condanna è stata di sei mesi e 10 giorni di reclusione

Pubblicato il - 17 maggio 2018 - 09:37

TRENTO. Era senza biglietto e al momento dell'uscita dall'uscita dall'autobus alla fermata di piazza Centa due controllori gli contestarono una multa: pagamento immediato di 30 euro oppure la sanzione da 80. Il passeggero, un cittadino straniero, rispose con una risata e se ne andò.

 

I dipendenti di Trentino Trasporti non si diedero per vinti e inseguirono il giovane fino all'altezza della stazione della Trento Malè, dove si era portato nel tentativo di scappare dagli inseguitori. Furono allertate le forze dell'ordine ma prima del loro arrivo, con i controllori alle calcagna, il giovane sferrò un pugno a uno dei due

 

I carabinieri riuscirono a bloccarlo e successivamente gli fu contestati, oltre alla multa, i reati di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Al processo, che si è celebrato ieri dopo meno di un anno dai fatti, la condanna è stata di sei mesi e 10 giorni di reclusione con pena sospesa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato