Contenuto sponsorizzato

Prese a pugni i controllori dell'autobus, condannato a 6 mesi di reclusione

I carabinieri riuscirono a bloccarlo e successivamente gli fu contestati, oltre alla multa, i reati di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Al processo, che si è celebrato ieri dopo meno di un anno dai fatti, la condanna è stata di sei mesi e 10 giorni di reclusione

Pubblicato il - 17 maggio 2018 - 09:37

TRENTO. Era senza biglietto e al momento dell'uscita dall'uscita dall'autobus alla fermata di piazza Centa due controllori gli contestarono una multa: pagamento immediato di 30 euro oppure la sanzione da 80. Il passeggero, un cittadino straniero, rispose con una risata e se ne andò.

 

I dipendenti di Trentino Trasporti non si diedero per vinti e inseguirono il giovane fino all'altezza della stazione della Trento Malè, dove si era portato nel tentativo di scappare dagli inseguitori. Furono allertate le forze dell'ordine ma prima del loro arrivo, con i controllori alle calcagna, il giovane sferrò un pugno a uno dei due

 

I carabinieri riuscirono a bloccarlo e successivamente gli fu contestati, oltre alla multa, i reati di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Al processo, che si è celebrato ieri dopo meno di un anno dai fatti, la condanna è stata di sei mesi e 10 giorni di reclusione con pena sospesa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 18:34

Dallo studentato di San Bartolameo l’appello di Sara che si fa portavoce di un gruppo di studenti: “Nessuno parla della responsabilità della struttura. Avevamo denunciato la festa, ma nessuno del personale era intervenuto”. Fontana: "Non escludiamo alcuna colpevolezza. Oggi però pensiamo ai tamponi. Anche i negativi rimarranno in quarantena finché non sarà scongiurato il pericolo"

07 marzo - 18:33

L'allerta è scattata a San Giovanni di Fassa. Il macchinario ha travolto e schiacciato una 72enne. In azione la macchina dei soccorsi

 

07 marzo - 16:05

Nella vicenda interviene anche Slow food Trentino Alto Adige, struttura autonoma con personalità giuridica propria, associata a Slow food international, rappresentata da Sergio Valentini. Questa realtà si è costituita ad adiuvandum. Il Comitato è assistito dagli avvocati Vanni Ceola e Federico Fedrizzi, mentre Slow food è rappresentata dagli avvocati Elina Scotti e Raffaele Bifulco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato