Contenuto sponsorizzato

Riva del Garda, cani in gabbie piccole sotto il sole e abbandonati a se stessi. Mosaner: ''Situazione temporanea, già attivati per un servizio adeguato''

La denuncia da parte di numerosi utenti sui social network e l'interpellanza del consigliere Stefano Santorum. Mosaner: "Si è verificato solo un caso particolare ma di solito i cani rimangono in queste gabbie solo per qualche ora"

Pubblicato il - 09 agosto 2018 - 19:45

RIVA DEL GARDA. Cani rinchiusi in gabbie senza un adeguato riparo dalle intemperie ma anche di piccole dimensioni e in condizioni ben lontane dai mini standard di civiltà. Stiamo parlando del ricovero provvisorio per cani che si trova sul terreno comunale a Riva del Garda. Una situazione che sta creando non poche polemiche tra i cittadini e gli amanti dei cani visto come questi ultimi vengono trattati.

 

I cani che vengono recuperati nel territorio comunale, infatti, non essendoci sul posto un canile, vengono trasferiti a Trento. Questo, però, non avviene subito, e nel frattempo vengono ospitati in gabbie dove è impossibile vivere.

Diverse associazioni si sono mosse per avere risposte dal comune e per cercare una soluzione migliore. Ad occuparsi della situazione è stato anche il consigliere Stefano Santorum che ha depositato una interpellanza con risposta scritta rivolta al sindaco di Riva Adalberto Mosaner e al presidente del consiglio comunale. In questa interpellanza il consigliere chiede che la situazione venga risulta in tempi brevi affinché si ponga fine “al degrado e all'inciviltà”. Si chiede poi per quale motivo non venga utilizzata la struttura di Arco.

 

Sulla questione è intervenuto anche il movimento "La Foresta che avanza" facendo riferimento ad un caso particolare di un cane lasciato al sole.  “È inammissibile che un cane resti con questo caldo, sotto il sole e senza acqua per diverse ore - scrive in una nota -  ma dovrebbe essere portato direttamente in canile. In questo caso, per fortuna, è stato liberato dai vigili del fuoco ma ha trascorso diverse ore in una situazione che avrebbe potuto portare anche alla morte".

 

A rispondere alle polemiche è il sindaco Mosaner che chiarisce come le gabbie siano solamente un luogo dove vengono tenuti i cani che vagano sul territorio "per qualche ora" prima di trovare e avvisare il proprietario. “E' successo solo un caso – ha spiegato il sindaco – dove un cane era senza microchip e quindi ha trascorso più tempo in queste gabbie. Ma è un caso particolare perché in Trentino tutti i cani hanno l'obbligo di avere un microchip”.

 

Il sindaco ha inoltre precisato che l'Amministrazione si è già attivata per avviare un rapporto con un canile, quello più consono dal punto di vista della distanza, per svolgere un servizio temporaneo di custodia dei cani.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica al titolo di ''Ruoli''. E' proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson che si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento (poi ripresa da tutti i territori alpini) di rinunciare ai Mercatini ''portae inferi non praevalebunt'' e che scrive di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan essere il braccio destro del numero 1 alla cultura e all'istruzione?

01 dicembre - 11:30

Sono 283 i contagi identificati a fronte di 3.428 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta all'8,3%. Un dato che si divide tra i 94 positivi ai 1.185 tamponi molecolari (7,93%) e i 189 casi con 2.243 test antigenici (8,43%)

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato