Contenuto sponsorizzato

Scontro furgone-camion, i vigili del fuoco lo salvano smontando il tettuccio

L'incidente è avvenuto poco prima del ponte di Mostizzolo. Sul posto i soccorsi, i vigili del fuoco volontari di Cles, Cis e Livo e carabinieri 

Pubblicato il - 21 marzo 2018 - 13:48

CIS. Grave incidente intorno alle 12.30 lungo la strada statale 42 poco prima del ponte di Mostizzolo, quando si è verificato uno scontro tra un furgone e un camion.

 

Il conducente del furgone stava guidando in direzione Cles, mentre il camion procedeva in direzione opposta verso Malè e circa 50 metri prima del ponte è arrivato l'urto fronto-laterale. A avere la peggio è stato il furgone, che dopo l'impatto si è rovesciato su un lato.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono subito portati i soccorsi, i vigili del fuoco volontari di Cles, con pinze idrauliche, ma anche i corpi di Cis e Livo, oltre ai carabinieri per effettuare i rilievi e ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente. La viabilità è rimasta chiusa per oltre un'ora per consentire la rimozione del mezzo e la pulizia della strada, mentre il traffico veicolare è stato deviato verso Livo, Cagnò e Dres.

 

L'uomo al volante del furgone non è fortunatamente in pericolo di vita, ma è stato trasportato per le cure e gli accertamenti del caso all'ospedale di Cles.  

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 luglio - 18:04

Il totale resta quindi a 5.495 casi e 470 vittime da inizio epidemia. Analizzati 142 tamponi. Sono 4.988 i guariti da Covid-19. Nessun decesso e nessun contagiato anche in Alto Adige

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

06 luglio - 16:28

In fase Covid-19 l'uomo era stato trasferito ai domiciliari nella casa di lui e lei e questo aveva scioccato la famiglia di Eleonora che da quasi un anno chiede giustizia per la barbara uccisione della giovane donna. Negli scorsi giorni la perizia ha confermato che l'uomo è capace di intendere e volere e ora rischia l'ergastolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato