Contenuto sponsorizzato

Scuole d'infanzia il 3 settembre al via. Circa 500 bambini ancora non conformi agli obblighi vaccinali

Per le famiglie dei bambini iscritti alle materne ma non ancora vaccinati permane sempre la possibilità di rivolgersi all'Azienda provinciale per i servizi sanitari per l'effettuazione delle vaccinazioni previste

Pubblicato il - 30 agosto 2018 - 08:59

TRENTO. Sono 14.429 i bambini che inizieranno il 3 settembre la scuola d'infanzia. I dati sono stati diffusi oggi da parte della Provincia ricordando come 9.017 frequenteranno le scuole equiparate  mentre i restanti le scuole provinciali. 

 

Rispetto lo scorso anno è stata registrata un flessione del 4%  mentre rimane stabile il numero delle scuole, pari a 267, distribuite sull’intero territorio provinciale; 113 sono le scuole provinciali e 154 quelle equiparate.

 

Il costo del programma annuale delle scuole dell’infanzia provinciali ed equiparate, per l’anno 2018/2019, ammonta a 89,5 milioni di euro.

 

Il Dipartimento della conoscenza ha inviato a tutte le scuole una lettera che invita a ricordare ai genitori gli obblighi vaccinali. Per accedere alle attività scolastiche i bambini in età compresa tra 0 e 6 anni devono essere conformi agli obblighi. Ad oggi sono circa 500 ancora non conformi agli obblighi vaccinali iscritti alle scuole materne. 

 

Permane sempre la possibilità per le famiglie di rivolgersi all'Azienda provinciale per i servizi sanitari per l'effettuazione delle vaccinazioni previste.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 febbraio - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

28 febbraio - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato