Contenuto sponsorizzato

Si cappottano due auto a causa della neve. Incidenti a Fornace e in Valle del Chiese

Sbandamenti e auto cappottate, ma fortunatamente nessuno è rimasto ferito gravemente

Di Ilenia Morreale - 01 marzo 2018 - 16:51

TRENTO. Giornata di sbandamenti e incidenti oggi in Trentino, il tutto causato dalla neve. Questa mattina attorno alle 7.40 sulla provinciale 69 una ragazza, a bordo di una Lancia y, stava viaggiando da Baitoni in direzione Storo quando ha improvvisamente perso il controllo del mezzo all'altezza di Fontana Bianca per finire la corsa contro la roccia prima di rovesciarsi.

 

Fortunatamente la ragazza è uscita autonomamente dal mezzo, ma è stata trasportata in ambulanza all'ospedale Santa Chiara per accertamenti. Intervenuta sul posto la polizia locale della Valle del Chiese con i vigili del fuoco di Storo.

 

Più ostico invece l'intervento di questo pomeriggio attorno alle 14, quando i vigili del fuoco di Civezzano sono dovuti intervenire con le pinze idrauliche per liberare un uomo dall'abitacolo.

Un'auto sulla provinciale 71 si è cappottata tra gli abitati di Torchio e Valle. Il conducente avrebbe perso il controllo del proprio mezzo a causa del manto nevoso per finire ruote all'aria. Tempestivo l'intervento dei pompieri di Civezzano e del corpo di Fornace.

 

Anche in questo caso il ferito non sembra in gravi condizioni, ma è stato trasportato in ospedale per approfondimenti. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 aprile - 19:34

Le vittime sono 4 donne e 5 uomini. Tra i decessi legati a Covid-19 anche Raffaele Zancanella, scario e ex presidente della Magnifica comunità, e il 28enne Lucjan Elezi. I contagi sono 2.671 in provincia

01 aprile - 20:40

Come anticipato dal ministro Roberto Speranza in Senato le restrizioni proseguono. Il premier: "Ci rendiamo conto che chiediamo uno sforzo e un sacrificio ma non siamo nelle condizioni di poter fare diversamente"

01 aprile - 18:04

Di fronte alle scorribande dell'orso più ricercato d'Italia, protagonista questo mese di danni ad arnie e malghe, dal mondo animalista arrivano gli inviti a non allarmarsi. La Lav Trentino: "Non c'è da allarmarsi, è un animale che sta lontano dalle persone. Bisogna fare investimenti per aumentare la prevenzione, che, come dimostrato in altri luoghi, funziona"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato